ALDO ERCOLI:”OGNUNO E’ SE STESSO”

0
1003
influenza stagionale

La variante Omicron del Covid19 ha una diffusività notevole rispetto alla precedente Delta. E’ ancora più insidiosa perché molto spesso è asintomatica.  

mononucleosi
Dottor Professor
Aldo Ercoli

Credo però che la sua aggressività, la pericolosità, soprattutto per i “supervaccinati”, sia di gran lunga inferiore: di solito un paio di giorni di febbre, qualche dolore osseo e un po’ di stanchezza.                                                                                                                Questo è quello che sto osservando dal mio osservatorio territoriale (sono un “medico di frontiera”).                                                                                                                               Le lunghe file di chi, in cerca di tamponi,davanti alle farmacie e laboratori abilitati, rende bene l’idea della paura che da due anni ci accompagna.
Si vuole stare tranquilli per se stessi, ma anche per chi si frequenta, specie parenti e amici.                                                                                                                                                            Chi scrive, pur in pensione da alcuni anni, continua ad aprire il suo studio, un giorno la mattina e quello dopo il pomeriggio per visitare, interrogare, dare spiegazioni, convincere. Sono vaccinato fino al “booster”.                                                                                        Anche se so che non potrebbe bastare. Chi me lo fa fare allora? Economicamente le spese per l’attività sono di gran lunga ben superiori alle entrate. Lavoro in perdita. Sono molte le persone che visito e ascolto gratuitamente perché indigenti, poveri. Certo qualche volta “ci casco”, qualcuno mi inganna. Succede. Non importa ho sempre fatto il mio dovere che non è “tachipirina e … vigile attesa”.                                                                                                                      Talora mi imbatto in situazioni curiose. <<Dottò, io so povero … devo mantenere tre mogli!>> mi ha detto un paziente, anzi solo un conoscente, mai iscritto con me nella mia lunga professione.                                                                                                                                   <<E che c’entro io? Poteva pensarci prima. Perchè non va dal suo effettivo medico?>> gli ho risposto. Gli ho poi consigliato di farsi un tampone.                                     

Scenette a parte, credo che sia la passione per il mio lavoro la vera molla che mi fa prendere in mano la “borsa del medico” per recarmi a studio, come faccio dal 1976. Vedo e visito diversi non vaccinati.                                                                                                            Alcuni li conosco altri no. Non mi “fanno schifo”, non li allontano.                                                    E’ una scelta loro che, anche se non condivido affatto, devo accettare. Prescrivo immunomodulanti per rinforzare il sistema immunitario ed anche un protocollo personalizzato di cure domiciliari precoci “al bisogno”, ai primi sintomi.                                      Una ricetta non molto dissimile a quella di altri sanitari che si comportano alla stessa stregua. Prima però faccio di tutto per convincerli a vaccinarsi. Spesso ci riesco, ma non sempre è cosi. Rischio? Certo che si.                                                                                     Resto però fedele al giuramento che ho fatto quando mi sono laureato nel 1974.                    La coscienza mi impone di guardarmi allo specchio, al risveglio, la mattina presto. 

P.S. Il testo che vedete lo scrissi per i medici di base nel 1988. Fu ristampato quattro volte dalla Edimes Pavia.

Aldo Ercoli