SPORT, C’È CHI PUÒ E CHI È FERMO AI BOX

0
175
sport

CALCIO FERMO, SOLO CORSA PER I GIOCATORI. I MARATONETI INVECEPUNTANO ALLE GARE NAZIONALI COSÌ COME I MOTOCLICISTI.

Dalle esultanze e agli abbracci di fronte a un centinaio di tifosi per finire con gli allenamenti individuali in un impianto deserto. Dopo la goleada rifilata alla capolista Cimini, un 6-1 senza storia, l’Academy Ladispoli si è ritrovata sul rettangolo verde per programmare la propria attività in seguito alle ferree regole dell’ennesimo decreto di Conte. Niente campionato di Eccellenza dunque fino al 24 novembre prossimo (stesso discorso naturalmente per il Cerveteri nello stesso girone e per tutte le altre categorie tranne la D), non restano che i lavori solitamente svolti nella preparazione estiva. Corsa, addominali, potenziamento, conduzione della palla, tiri in porta e stretching. Meglio che niente comunque visto che si era prefigurato persino lo spettro del blocco totale, poi per fortuna smentito nelle ore successive. «L’unica fiammella che la Figc poteva lasciarci accesa – ammette l’allenatore, Marco Scorsini – sono proprio gli allenamenti individuali. Se avessero stoppato anche questo, oltre che le partite, per il calcio dilettantistico si prospettava davvero il game over. È chiaro che le difficoltà saranno varie ma non ci resta che andare avanti così». I giocatori almeno potranno mantenere la loro condizione atletica. «Il nostro staff sta organizzando test personalizzati – aggiunge il tecnico ladispolano – che aiuteranno ogni singolo atleta a mantenere la sua condizione e migliorare le qualità tecniche. In attesa di capire se realmente si ripartirà tra un mese. Stiamo vivendo un momento difficile, di grandissima difficoltà». Atletica Leggera. «Questo sport è considerato sport individuale – spiega sempre Loredana Ricci, allenatrice Runners Cerveteri – e noi già avevamo attuato alla lettera il protocollo con il distanziamento, l’entrata e l’uscita dei ragazzi con le mascherine. Ognuno di loro ha gli attrezzi personalizzati. E poi le gare d’ora in avanti saranno di interesse nazionale, quindi quelle regionali si sono concluse e potremmo avviare la preparazione invernale in quanto gli allenamenti si svolgono all’aria aperta. Certo, per lo sport il momento è critico e dedichiamo questi risultati di Caracalla a tutti i cerveterani». E così, almeno l’atletica, si è ritrovata con un grandissimo Andrea Scalella volato nei mille metri. È il primo alle gare regionali di Caracalla tenendo in alto i colori verdeazzurri dei Runners.
In un momento molto delicato per lo sport ecco il guizzo di un 13enne che nella categoria “Ragazzi” non si è lasciato condizionare dall’emozione, salendo sul gradino più alto del podio. Finale al cardiopalma per il giovanissimo corridore etrusco che ha chiuso in poco più di 3 minuti una gara a dir poco entusiasmante. Sempre nelle competizioni di mezzofondo c’è una pari età che ha fatto parlare di sé allo stadio Nando Martellini. È Sofia Pennica che al traguardo è giunta terza con il tempo di 3’37.

Moto. Ve la ricordate Nicole Cicillini? L’atleta di Ladispoli del 2019 ha voglia di tornare in pista. In gare ufficiali. Era stata appiedata dagli sponsor poco prima di partecipare all’ultimo campionato italiano di motociclismo. La sua famiglia e i tifosi ricordano ancora quando dovette parcheggiare la sua Yamaha 300 nel garage col motore spento. Un giorno davvero grigio. Ma ora la giovane ladispolana è pronta per affrontare il 2021. Smaltita la delusione per la mancata iscrizione alla R3 Cup 2020, ha una gran fretta di procedere a tutto gas. Lei che nel curriculum vanta una splendida vittoria nel Trofeo Centro Italia con la Yamaha R3, quando partì dalla 33° posizione e finì per tagliare per prima il traguardo. Tutti i suoi avversari rimasero increduli anche perché per la ragazzina, ora 21enne, fu una delle prime sfide competitive. Il passato è passato. Subito in pista ora per assaporare di nuovo l’asfalto, disegnare curve e traiettorie alla ricerca di nuovi successi e provare la condizione fisica e mentale. «Al momento il nuovo decreto ministeriale ci consente di allenarci. Speriamo non blocchino tutto di nuovo. Ho svolto dei test con una pre moto 3 – confessa Nicole– e devo dire che sono andati molto bene. C’è incertezza sul futuro visto che non so ancora in quale campionato parteciperò e con quale moto correrò ma tuttavia darò il massimo per farmi trovare pronta. Siamo alla ricerca di sponsor e ringrazio quelli che mi stanno sostenendo già».