“Il Movimento 5 stelle non sa fare nemmeno una ricerca su internet”

0
690
ANCI

Non accenna a placarsi la polemica tra il Movimento 5 stelle ed il sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando, in merito al piano urbanistico di Piazza Grande.Durissima la replica del primo cittadino alle nuove accuse arrivate dai penta stellati.

“Non ce la fanno proprio i membri del movimento 5 stelle di Ladispoli  – afferma Grando – a scrivere qualcosa di sensato sulla questione Piazza Grande. Come sempre, da un po’ di tempo a questa parte, non dicono nulla di concreto e addirittura sono arrivati a tessere le lodi delle razze animali pur di mettere insieme qualche riga in più. Nei comunicati stampa continuano ad affermare cose non vere: che il nuovo progetto non comporti nessun vantaggio per la cittadinanza e che sia, anzi, addirittura peggiorativo rispetto al precedente. Assurdo. I grillini si lamentano poi della mancanza dei vincoli temporali di esecuzione e della mancata indicazione dei terreni dove sorgeranno le opere pubbliche. E qui tornano ad emergere tutte le lacune dal punto di vista della conoscenza delle procedure amministrative.
Questi dettagli saranno presenti nella convenzione urbanistica che, ovviamente, verrà integrata non appena la Regione Lazio darà il suo assenso alla rimodulazione del programma integrato, così come previsto dalla legge di riferimento. Non si capisce poi cosa vogliano dire quando, con senso di sfida, chiedono che venga pubblicata sull’albo pretorio tutta la documentazione. Tutti gli atti relativi al programma integrato sono sempre stati presenti sul sito del Comune di Ladispoli, proprio nella sezione Albo pretorio online, e lo sono tutt’ora. Questi personaggi vorrebbero amministrare un comune di 40.000 abitanti e non sanno fare neanche una ricerca su un sito internet? Per quanto riguarda la “minaccia” di querela voglio anche io rassicurare 5 stelle: della vostra querela non mi sono mai preoccupato, fate pure. Su una cosa siamo invece d’accordo, nell’ultimo comunicato stampa ho utilizzato un linguaggio non appropriato al primo cittadino di Ladispoli, ho fatto l’errore di abbassarmi al vostro livello. Non succederà più in futuro”.