Alla scoperta delle spezie

0
230

Erbe aromatiche ricche di nutrienti sono preziose alleate della nostra salute

 

di Alfonso Lustrino

Solo pepe, origano e peperoncino? No, le spezie fondamentali da usare in cucina sono molte, molte di più.

Cucinare con le spezie non solo conferisce ai piatti sfumature e sapori inaspettati, ma sono da considerare un vero e proprio toccasana per la salute. Insaporiscono ogni pietanza, arricchendola di nutrienti importati e caratterizzandone il gusto.

Le spezie possono essere definite come componenti vegetali di diverso tipo: semi, radici, foglie, frutti, corteccia o bacche. Le innumerevoli proprietà dipendono dalle notevoli quantità di vitamine e sali minerali presenti, che le rendono ottimi rimedi naturali per i più comuni disturbi e fastidi. Con il passare dei secoli e con l’avvento della medicina moderna l’interesse per queste droghe è calato, ma ancora oggi, esattamente come tanto tempo fa, le spezie possono aiutare a prevenire, combattere e lenire numerose patologie di svariata origine e stati di carenze immunitarie.

Prendete ad esempio lo zenzero e la curcuma: ormai sono considerati dei super food dalle mille caratteristiche, non ultime quelle antiossidanti. Spezie come la galanga, il coriandolo e il cardamomo migliorano la digestione e limitano il processo di fermentazione nell’intestino. La liquirizia e la curcuma regolano, tra l’altro, il senso di appetito, favorendo spesso il dimagrimento. Anice stellato e nigella impediscono la proliferazione batterica. Molte spezie aiutano a combattere i principali malanni che interessano le vie respiratorie, come tosse, rinite, sinusite e raffreddore, fungono da espettoranti, combattono le principali infezioni ed eliminano i parassiti.

Inoltre insaporendo i cibi con le spezie, si evita di aggiungere troppo sale o troppo zucchero, sfruttando così il potere aromatico naturale di questo ingrediente. Tra semi, radici, foglie, frutti, corteccia e bacche sono davvero tante le derivazioni vegetali da cui provengono le spezie più utilizzate e diffuse nel mondo e a guardare l’elenco c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Ecco un elenco delle più note e alcuni approfondimenti utili per imparare a conoscerle.

Alloro: favorisce la digestione e il sonno.

Alpinia Galanga: migliora la digestione, può essere usata come leggero lassativo, riduce nausea e gonfiore addominale.

Anice stellato: dal sapore simile a quello della liquirizia, funge da antibatterico e antinfiammatorio, aiutando anche per l’allattamento.

Cannella: disinfettante e antibatterica, viene spesso usata in cucina per insaporire i piatti.

Cardamomo: digestivo, tonico e antiacido, ha anche un’azione analgesica. Sono utili per mantenere i denti in salute, soprattutto in caso di gengive infiammate, e per combattere l’alitosi.

Chiodi di garofano: funge da antiossidante, analgesico e antinfiammatorio.

Coriandolo: fungicida e antibatterico, riduce il gonfiore intestinale.

Cumino: se ne apprezzano le proprietà curative a 360°, riuscendo a sedare molti sintomi.

Curcuma: oltre ad essere un potente antiossidante e antinfiammatorio, svolge anche un’azione depurativa, è utile per il fegato e la colecisti, aiuta a perdere peso e ha anche una provata azione antitumorale.

Curry: si riscontrano benefici per il diabete e le malattie cardiache.

Ginepro: agisce come antimicotico, antiossidante e stimola la diuresi.

Menta: è una spezia digestiva, antisettica e rinfrescante, utile contro la nausea e l’alitosi.

Liquirizia: è ottima come dimagrante, antivirale e antinfiammatoria. Ottima per chi soffre di pressione bassa.

Nigella: tra le proprietà si citano l’azione antispasmodica, antinfiammatoria e antibatterica.

Noce moscata: utile contro i principali disturbi e malanni, vanta anche proprietà afrodisiache.

Origano: antibatterico e antifungino, antibiotico naturale e calmante, antisettico, anticancro.

Paprika: attenua i reumatismi e la caduta dei capelli.

Pepe nero: ottimo per curare acne, cellulite e rinvigorire la cute.

Pepe rosa: oltre a fungere da antidolorifico, agisce come insetticida naturale.

Pepe di Cayenna: utile contro il mal di testa, il mal di denti e il raffreddore.

Peperoncino: protegge il sistema cardio-circolatorio e ha effetti antitumorali.

Rosmarino: utile come rimedio contro raffreddore, tosse e depressione.

Senape: molto impiegata in cucina, vanta anche proprietà digestive ed è un sedativo della tosse.

Semi di finocchio: è un ingrediente naturale prezioso, essendo ricco di antiossidanti, fibre e sali minerali.

Semi di papavero: abbassa il colesterolo e agisce come un vero e proprio antistress.

Sesamo: tanti i suoi effetti benefici sul corpo, dal sistema immunitario al colesterolo e l’osteoporosi.

Tamarindo: agisce da antiossidante, lassativo e antibatterico.

Timo: utile contro asma, raffreddore e mal di testa, usata anche come rimedio naturale per pelli stanche e capelli grassi.

Vaniglia: tiene a bada i radicali liberi ed esercita un’azione antitumorale.

Zafferano: molto apprezzato in cucina, cura le infiammazioni, aiuta la digestione ed è un buon antidepressivo.

Zenzero: utile in caso di raffreddore e influenza, interviene sui problemi dell’apparato digerente, migliora la digestione, allevia dolori muscolari e articolari, combatte nausea e colesterolo, previene il tumore al colon-retto. Noto anche come afrodisiaco (praticamente un “viagra naturale”).