100° MARCIA SU ROMA TOSCANA

0
338

Dall’Archivio Segreto Vaticano 28 ottobre 1922 – 28 ottobre 2022

MUSSOLINI – DE GASPERI e il PATTO di SANTA MARINELLA. Le foto: da Via della Marcia su Roma a Via della Libertà. 

Ero in vista di Roma a Santa Marinella. Passai in rivista le colonne e stabilii le formalità per l’ingresso a Roma. Stabilii i contatti tra i quadrumviri e le autorità” Mussolini – Autobiografia

 

IL TRATTATO DI SANTA MARINELLA

 De Gasperi: aveva espresso il desiderio che: “prima della convocazione della Camera e a tempo intervenga fra Mussolini e qualche nostro fiduciario un’ampia spiegazione e discussione sul programma dei lavori”. Mussolini aveva risposto: “Porterò il TRATTATO DI SANTA MARINELLA e quello italo-francese e dimostrerò così di non voler svalutare la Camera … [Archivio Segreto Vaticano – asv aaeess Italia]“ (*)

(*) “FASCISMO E VATICANO PRIMA DELLA CONCILIAZIONE” Giovanni Sale – Prefazione Pietro Scoppola – JAKA BOOK 2007

Santa Marinella – Santa Severa (Roma) – Un secolo di storia, in buona parte ancora da scrivere: dalla sua rinascita, quando Giuseppe (Peppino ?) Garibaldi consigliò al Principe Baldassarre Odescalchi di acquistare – nel 1887 – dal Pio Istituto di Santo Spirito in Sassia, la Tenuta di Santa Marinella. Questo centenario ci dà l’occasione di riesaminare in controluce un secolo di eventi di cui poco si conosce, una traccia – nei suoi evidenti limiti – per gli storici e per coloro che desiderano approfondire la conoscenza di personaggi, fatti e avvenimenti accaduti in questi luoghi alle porte di Roma, che hanno avuto alcuni risvolti e qualche effetto nella Storia mondiale.

Si chiamava via Aurelia Antica la strada dove si attestò a Santa Marinella la colonna LAMARMORA,  guidata dal marchese Dino Perrone Compagni, che prese poi il nome di via della Marcia su Roma e oggi si chiama: per un tratto via della Libertà, per l’altro viale Roma. Pochi sanno che Mussolini prima di marciare su Roma si fermò a Santa Marinella, alla testa della Colonna del Marchese Perrone Compagni.

Ne parla il prof. Livio Spinelli: le truppe del Re, obbedendo agli ordini ricevuti, avevano bloccato i binari tra Civitavecchia e Santa Marinella, le linee telefoniche e telegrafiche erano interrotte e da Santa Marinella il marchese Compagni per mettersi in contatto col comando supremo di Perugia, spedì ai quadrumviri una pattuglia in motocicletta con questo messaggio: A tutt’ora a Santa Marinella sono presenti circa 2.500 camicie nere, e 6.700 a Civitavecchia, forze divise a causa tempo orribile e per impossibilità di acquartierarle tutte Santa Marinella. Mancano acqua, viveri e denari. La linea tra Civitavecchia e Santa Marinella è interrotta, occorre trasbordare su un altro treno.” 

Mussolini era a Milano. Aveva rifiutato più volte di andare a Roma per consultazioni. In poche ore a Roma si passò dall’ipotesi Salandra alla soluzione Mussolini, il quale ostentava un atteggiamento di intransigente rifiuto a ogni “compromesso”, e il Re fu costretto alla fine ad accettare la soluzione del governo Mussolini.

Il 29 ottobre il telegramma del generale Cittadini gli comunica il conferimento dell‘incarico. Mussolini invece di salire sul treno speciale che gli viene messo a disposizione  –  in vista del suo insediamento – scelse, con accurata scenografia, il viaggio più lento verso Roma. Pronunciò numerosi discorsi dal finestrino: a Fiorenzuola, Borgo San Donnino, Sarzana, arrivando a Civitavecchia con due ore di ritardo (alle 9.20), da dove trasborda su un’altra locomotiva, scendendo poi alla stazione di Santa Marinella per passare in rivista le truppe, s’intrattiene con Igliori(?) e Scorza, e a Giuseppe Monchetti, padre di un caduto per il fascismo ordina: «Una sola parola: disciplina».

Il Mussolini arrivò a Roma alle 10.50  dove al Quirinale pronunciò la frase famosa: “Maestà vi porto l’Italia di Vittorio Veneto”. Le truppe fasciste entrano a Roma sfilando davanti al Re. Tra le notizie poco note c’è quella di un acceso scontro in parlamento tra De Gasperi e Mussolini, quando a un’interpellanza di De Gasperi il duce rispose testualmente: “porterò il trattato di Santa Marinella!
FOTO  Santa Marinella Via Aurelia – la Colonna “Lamarmora” al centro il Marchese Dino Perroni Compagni

FOTO
Santa Marinella le coorti pisane dopo la rivistaAdunata di diversi gruppi toscani giunti a S.Marinella

A.Gavelli, un cronista dell’epoca, presente agli eventi, riferisce che:

Il comando generale scelse Santa Marinella come punto di raduno per le forze provenienti dall’Italia centrale perché, nelle diverse località più vicine a Roma, mancavano l’acqua e altre risorse.

Tutti i reparti avrebbero dovuto sollecitamente, con mossa improvvisa, occupare stazioni, telegrafi, Prefetture e subito recarsi ai tre posti di concentramento: Santa Marinella, Monterotondo, Foligno. Ogni reparto dovrà lasciare le forze che ha impegnate e proseguire con le rimanenti.

Le squadre giunte a Civitavecchia, dovettero scendere e proseguire a piedi perchè la ferrovia era bloccata.

Al comando della colonna LAMARMORA di Santa Marinella  c’erano il Generale Sante Ceccherini e il marchese Dino Perrone Compagni, il quale annotava nel suo diario che scriveva mentre era in sosta a Santa Marinella: “… ho con me quale aiutante di zona la medaglia d’oro Vitali e come ufficiali di zona Marasco e Manganiello

Le squadre di azione di Carrara, Livorno e Pisa erano accantonate a Santa Marinella; quelle di Grosseto Lucca e della Maremma a Civitavecchia.

27 Ottobre

Giunge la notizia che il concentramento delle camicie nere della Toscana a Santa Marinella è completato. Mussolini con De Bono impartirono gli ordini per le colonne, fra le quali quella di S.Marinella, alle porte della capitale.

Dalla direzione del Partito fu consegnato un plico sigillato, con sopra l’ordine di aprirlo soltanto a Santa Marinella: erano le disposizioni per le operazioni. Il plico fu portato con l’aiuto del padre di Giuseppe Bottai, (quest’ultimo, e il Ministro Lessona avevano entrambi delle ville a Santa Marinella) e di un giornalista del Giornale d’Italia con una velocissima Diatto, pilotata da un medico veneto che, con un viaggio pieno di peripezie, verso le tre del mattino seguente, dopo aver preso ad uno sbarramento di truppa regolare alcune fucilate, arrivò a Santa Marinella, dove la via Aurelia era presidiata dai legionari di Pisa, che sbarravano la strada.

A Santa Marinella il comando della colonna LAMARMORA  si insediò in una Villa posta in un punto strategico appena fuori, sulla via Aurelia che da Roma mena a Civitavecchia.

I legionari, mano a mano che passavano le brevi ore di attesa, andavano ambientandosi e la colonna assumeva la fisionomia di una divisione in pieno assetto di marcia: vi erano infatti i reparti someggiati, le avanguardie in motocicletta e in automobile e a cavallo, reparti di mitraglieri e persino le artiglierie portate da Renato R.; poi veniva il grosso, armato di moschetti ’91, di vecchi fucili da caccia e di altre specie di armi; infine oltre ai reparti di Croce Rossa venivano le retroguardie tra cui erano i combattenti di Pisa ed alcuni vecchi garibaldini in camicia rossa. Reparto per reparto avevano costituito i loro bivacchi, ove alla bene meglio curavano succintamente la loro pulizia personale mentre le cucine da campo fumanti preparavano il rancio e i graduati andavano distribuendo le pagnotte e l’acqua che potemmo avere – dato che le autorità locali avevano fatto saltare le condutture – per il vivo interessamento del comandante del Distretto di Civitavecchia, il quale, assumendosi delle responsabilità gravissime, mise a disposizione tutto il suo capace magazzino viveri e vestiario.

A Civitavecchia gli uomini erano alle dipendenze del comandante della piazza Colonnello Scorza. Fu convocato subito un rapporto di tutti i comandanti di reparto. A sera tornato il sereno furono passate in  rivista le truppe di Civitavecchia e di Santa Marinella.

La mattina seguente il campo fu messo di buon’ora a soqquadro quando si sparse la voce che sarebbe arrivato Mussolini diretto a Roma.

Alla stazione di Civitavecchia per l’arrivo del treno di Mussolini erano schierate tutte le legioni agli ordini del Col. Carlo Scorza col quale Mussolini si intrattenne, poi ripartì veloce per  Santa Marinella, dove passò in rassegna le truppe, si compiacque per l’ordine che ivi trovò e promise che breve sarebbe stata ancora l’attesa.

Santa Marinella ORDINE N. 1 ore 17
Comando generale Colonna Perrone – Santa Marinella
Ordino quanto appresso:

 

·         Che ogni accantonamento, alle sede dei comandi di legione e coorti deve montare una guardia armata di tre uomini.

·         Una guardia armata di sei uomini al comando di un vicecomandante di squadra dovranno montare ininterrottamente alla sede del comando generale (Fascio di Livorno).

·         Alle ore sette sarà suonata la sveglia.

·         Alle ore ventuno sarà suonata la ritirata.

·         I consoli provvederanno a tutte quelle norme necessarie per tenere la disciplina nei comandi e negli uomini di truppa.

·         Saranno formate ronde di vigilanza per tenere la disciplina.

·         Le più severe misure, anche corporali, saranno prese verso gli indisciplinati.

 

L’ispettore generale Comandante in Capo

Dino Perrone Compagni

Ispettore VII Zona

C.te Raggruppamento di S,Marinella

 

Santa Marinella, ore 12 del 28 Ottobre 1922.

 

Piove che è un piacere. Fino da ieri. Ininterrottamente. Per quanto vi siano qui villini deliziosissimi, gli squadristi stanno all’aperto, al freddo, al vento, all’acqua, non una sola porta è stata forzata.

 

Santa Marinella, ore 14 del 29 ottobre 1922.

 

Viene affisso un proclama a firma de Il comandante della Colonna Ispettore della zona  

Dino Perrone Compagni

29 ottobre: mezzogiorno.

Il Duce è chiamato d’urgenza al telefono. L’aiutante di campo di Sua Maestà lo invita a recarsi a Roma per conferire col Sovrano, che gli affida l’incarico di formare il nuovo Governo.

29 ottobre 1922, ore 23.

 A uno squadrista con la motocicletta è affidato questo messaggio da portare a Perugia

 COMANDO GENERALE DELLA MILIZIA FASCISTA

COLONNA PERRONE

29 ottobre 1922, ore 21: A tutt’ora sono presenti in Santa Marinella n. 6143 Camicie Nere così dislocale: in Santa Marinella 2413; parte della legione di Pisa; manipoli di Livorno e Carrara. A Civitavecchia (stazione) n. 3730. Legione di Grosseto e parte della legione di Lucca.

La forza presente è divisa a cagione dell’orribile tempo e della impossibilità di ricoverare persone a S. Marinella.

Deficienze: mancano acqua, viveri e denaro.

Informazioni: la truppa — R. Esercito — blocca parte della ferrovia fra Civitavecchia e Santa Marinella. Dalle ore 16 ad ora non sono passati che due treni completamente vuoti sul percorso Roma-S.Marinella.

                                                                       Il Comandante la Colonna

                                                              F.to: Dino Perrone Compagni.

Al Comando Generale, Perugia

Tutto sì svolge per ora tranquillamente. Stanotte ad ogni costo sarà riattivata la ferrovia. Sono oggi arrivati tutti i fascisti di Carrara. Il sottoprefetto di Civitavecchia è fuggito a bordo di un rimorchiatore. E’ giunto stanotte il generale Ceccherini, uno dei quei generali, che Mussolini ha voluto accompagnassero in divisa le colonne, onde evitare possibilmente conflitti con le truppe.

 

Santa Marinella, 29 ottobre 1922

 Minuta del rapporto inviato ai quadrumviri da Dino Perrone Compagni (2^ pagina)

 Prego disporre collegamento immediato con Roma, ove codesto comando potrà più facilmente comunicare inquantochè qualsiasi ordine, anche il più veloce, non potrebbe essere da me ricevuto che nove o dieci ore dopo emissione.

Di codesto.

 

L’ispettore della VII zona

C.te il raggruppamento di S.Marinella

Dino Perrone Compagni

 Santa Marinella, 30 ottobre 1922, ore 18

 Si fanno più insistenti le voci, che lo stato d’assedio è revocato e che il Re ha chiamato Mussolini a Roma. Le voci sono confermate dal generale Ceccherini che viene da Roma.

Carlo Scorza in un primo tempo s’era dato al giornalismo e aveva fondato e diretto L’intrepido e successivamente Il popolo toscano, nel 1928, l’incontro con Mussolini avvenne a Santa Marinella.

SANTA MARINELLA – SANTA SEVERA (Roma)

Itinerario della memoria

Livio Spinelli

 

Alfredo Comandini a Luigi Bertelli

            Caro Amico …..ho trovato una lettera di Mazzini che ti rimetto. Le altre debbo averle a S.Marinella dove mi    

            troverò domenica. E te le spedirò a Firenze ….

Santa Marinella e gli Ebrei

Con l’arrivo di Vladimir Ze’ev Jabotinsky e fino ai giorni nostri questa Città diventa un punto di riferimento per gli ebrei.

Jabotinsky giunge qui a fine ‘800 per coordinare la sosta e il transito dei migranti ebrei provenienti da tutta Europa che

s imbarcavano al porto di Civitavecchia per raggiungere la Palestina.

Eugenio PACELLI scrive poesie a una ragazza di Santa Marinella

A fine ‘800 si registra la presenza del giovane Eugenio Pacelli (futuro Papa Pio XII) affetto da grave malattia polmonare e della sua famiglia, giunta qui su consiglio del Dott. Valagussa – primario dell’Ospedale Bambino Gesù – in virtù delle speciali caratteristiche di salubrità e terapeutiche dell’aria di questa Città.

LA VILLA DEL RE  D’ITALIA oggi Ospedale del Bambin Gesù

Di fronte a Villa di Pacelli sorse la villa del Re d’Italia:due illustri dirimpettai! Iolanda di Savoia, figlia del Re, Dama di Carità donò parte della Villa per un Sanatorio, censito nella “Fed. Italiana malattie tubercolari”, Segretario era il Gen. Mendes il più grande medico pneumologo italiano, che riscuoteva la fiducia delle famiglie ebraiche, le quali si convinsero a portare i loro bambini a S.Marinella per le speciale salubrità dell’aria

Da allora fino a oggi gli ebrei continuano a scegliere S.Marinella come luogo privilegiato delle loro vacanze.  Negli anni si sono consolidate grandi e straordinarie amicizie tra loro e i residenti.

Il Generale Guido Aronne Mendes

era stato il grande compagno di classe di Eugenio Pacelli a Liceo Visconti di Roma; leggevano insieme la Torah e il giovane Eugenio condivise più volte lo Shabbat con la famiglia di Guido.

QUI NACQUE LA MARINA MILITARE DI ISRAELE – SANTA MARINELLA 1934  

Anche il Generale Mendes aveva una villa a Santa Marinella, fu in questa villa che nel 1934 nacque l’attuale Marina Militare, Mercantile e Peschereccia di Israele, suo nipote era Franco Modigliani il quale nel discorso di conferimento del Premio Nobel disse di essere diventato economista in virtù di un gioco che faceva da ragazzo con i suoi cugini a S.Marinella

I PATTI LATERANENSI

A villa Pacelli c’era anche l’Avvocato Concistoriale Francesco, fratello di Pio XII che aveva come illustre dirimpettaio il Re d’Italia, pare che qui nella tranquillità di questo luogo, al riparo da occhi indiscreti, fu fatto qualche passo per i futuri patti lateranensi.

SANTA MARINELLA e SANTA SEVERA – LE DONNE DI MUSSOLINI

Santa Marinella e Santa Severa erano frequentate da Margherita Sarfatti, da Rachele Mussolini e qui c’era anche la villa di Claretta Petacci e della sua famiglia.

SANTA MARINELLA e SANTA SEVERA 1938 ARRIVA HITLER il PATTO DI ACCIAIO NACQUE IN RIVA AL MAR TIRRENO ?

I DISCENDENTI DELL’IMPERATORE BARBAROSSA

Quando mia mamma e i suoi compagni di classe dovettero andare a salutare il Fuhrer.

A maggio del 1938 arriva Hitler a Santa Marinella per assistere a una poderosa esercitazione militare presente il Re e Mussolini, al termine, dopo l’aperitivo in una Villa, pranzarono al Castello di S.Marinella, sul registro degli ospiti le loro firme e di tutti gli altri partecipanti. Pare che durante questo pranzo in riva al mare furono poste le premesse per il futuro patto d’acciaio. Hitler prima di rientrare a Roma volle visitare il Castello di Santa Severa in quanto gli erano giunte notizie che da quelle parti ufficiali tedeschi avevano rintracciato alcuni discendenti di Federico Barbarossa.

1930   GUGLIELMO MARCONI

Presidente del CNR istituisce a Santa Marinella il Centro Radioeletttrico Sperimentale di Torre Chiaruccia nei cui laboratori, primo al mondo sperimenta l’impiego delle microonde nella RADIOTELEFONIA MOBILE, RADAR e TV

 Leni Riefenstahl regista di Hitler nell’immediato dopoguerra riparò a Santa Severa, ma ben presto i carabinieri “invitarono cortesemente” la “signora” a tornarsene in Germania.

1950
ARRIVA RE FARUK d’EGITTO e la Regina NARRIMAN all’Hotel LE PALME, LACCHI LUCIANO (così mia zia lo chiamava) quando lo vedevamo passeggiare per via delle Colonie.

1960
ARRIVA GHEDDAFI abitava a Santa Marinella studiava alla scuola di Guerra di Civitavecchia e Bracciano.

ANDREOTTI – SCALFARO – COSSIGA – CIAMPI
Cittadini di S.Marinella e Santa Severa

Quando disegnavo i manifesti per Scalfaro, accompagnavo Suor Margherita da Cossiga e scrivevo un libro col Sen. Andreotti

Santa Marinella luogo prediletto da artisti, registi, attori, scrittori, poeti: D’Annunzio, Pascarella, Trilussa, Ungaretti, Grazia Deledda, Maria Montessori, Elonora Duse, Ingrid Bergman e Roberto Rossellini, Totò, De Sica, Fellini, Moravia e Giorgio Bassani qui scrisse IL GIARDINO DEI FINZI-CONTINI, tradotto in 40 lingue, che inizia parlando di S.Marinella.

Santa Marinella e Santa Severa – TERRA D’APPRODO

Negli anni ’80 del secolo scorso Santa Marinella accolse – in maniera lodevole – migliaia di esuli ebrei provenienti dalla Russia in attesa di emigrare oltreoceano.