“Su Punta di Palo solo slogan e disinformazione da parte del Movimento 5 Stelle di Ladispoli”

0
932
ordinanza acqua

“Sulla vicenda legata ai piani urbanistici nella cosiddetta zona di Punta di Palo il Movimento 5 stelle continua a disinformare i cittadini ed a descrivere scenari che non corrispondono alla realtà dei fatti”.

Con queste parole il sindaco Alessandro Grando ha replicato alla presa di posizione dei penta stellati di Ladispoli in merito alle iniziative adottate dall’amministrazione comunale sulla lottizzazione all’ingresso sud della città.

“Occorre ricordare – prosegue Grando – che al nostro arrivo alla guida del Comune di Ladispoli la situazione in quell’area era già completamente definita, con un piano di lottizzazione approvato nel 2002. Successivamente modificato attraverso la legge regionale sul “piano casa”, e un programma integrato solamente adottato. L’iter di approvazione del piano casa, che prevede 30.000 metri cubi di residenziale, è stato completato ed i permessi di costruire rilasciati prima delle ultime elezioni comunali. Il programma integrato, invece, di 120.000 metri cubi residenziali e commerciali, era rimasto inattuato. Le due procedure non sono dunque collegate tra loro, al contrario di quello che è stato scritto dagli esponenti del Movimento 5 stelle, e l’aver interrotto l’iter del programma integrato non ha nessun effetto sulla procedura del piano casa. Ricordiamo, inoltre, che l’Ufficio tecnico ha recentemente emesso un’ordinanza di sospensione dei lavori al fine di accertare se l’intero iter del piano casa fosse legittimo. È quindi l’Ufficio tecnico, non certo il sindaco e tantomeno il Movimento 5 stelle, l’unico deputato a stabilire se il progetto possa continuare o meno. Questo i rappresentanti del Movimento 5 stelle lo sanno bene, ma preferiscono continuare a condurre un’attività politica fatta di cattiva informazione, titoli ad effetto e slogan senza sostanza. Gli unici atti che fino ad ora hanno prodotto risultati concreti sono stati quelli dell’amministrazione comunale, attraverso i quali sono stati annullati ben sette programmi integrati ereditati dalla precedente Giunta”.