Settembre, curiosità sul mese

0
572

Uva, Viti, Vite, Vigneto, Frutta

Settimo mese nella Roma arcaica, Domiziano lo ribattezzo con il nome di Germanico, figlio adottivo di Tiberio e ottobre con il proprio nome. Dopo il suo assassinio, riportano le fonti, “si decise di cancellare da ogni bronzo o pietra, il nome infausto, e anche a questi mesi fu abolita la denominazione imposta dal tiranno”.

di Pamela Stracci ©

I successori di Domiziano per paura della malasorte, evitarono di ribattezzare i mesi dell’anno che quindi da settembre a dicembre  “conservarono i loro nomi antichi”.

Il 21 settembre è generalmente considerato l’equinozio d’autunno ed è anche la ricorrenza di San Matteo. Il 29 del mese è la festa di San Michele Arcangelo celebrata in molte confessioni del mondo. Un proverbio legato al santo ci avverte: “Se San Michele si bagna le ali, piove fino a Natale”.

Il 19 settembre del 305 d.C. il vescovo di Benevento, San Gennaro, nato a Napoli nella seconda metà del III secolo, venne decapitato per ordine di Diocleziano. Una nobildonna di nome Eusebia riuscì a raccogliere il sangue che colava dalla testa del santo in due ampolle, custodendolo con molta venerazione. Lo stesso giorno di celebra la ricorrenza del santo e secondo la tradizione, il prodigio della liquefazione del sangue del santo, quello raccolto da Eusebia, si verifica tre volte l’anno: uno di questi giorni è proprio il 19 settembre.

Nel mese di settembre entra il segno astrologico della Bilancia. La costellazione della Bilancia era nota sin dai tempi dei Sumeri con il nome Zib-Ba An-Na. Per i greci questa costellazione faceva parte di quella dello Scorpione ed erano le Chelae, le chele, le pinze del pericoloso animale. Per i romani era una costellazione conosciuta con il nome di Libra ed era importantissima perché era lo strumento con la quale Astrea, la dea della giustizia pesava le azioni e quindi il destino degli uomini.
La pianta del mese è indubbiamente la vite.