“Segni di Pace” Quia, quando l’arte costruisce la pace

0
1946
pace

Si è conclusa lo scorso mercoledì la campagna di beneficenza “Segni di Pace” organizzata dall’Associazione Quia di Bolzano in collaborazione con la APS Il Mandorlo d’Oro di Ladispoli e con il patrocinio dell’Università Internazionale Telematica Uninettuno University e dell’ENAC Ente Nazionale Attività Culturali.

Di Pamela Stracci

Con questo progetto curato da Moreno Stracci, critico e storico dell’arte e Pamela Stracci, giornalista e curatrice, quaranta artisti, tra poeti e pittori, hanno contribuito con le loro opere e donazioni a realizzare questo importante evento raccolto e pubblicato all’interno del volume “Segni di Pace, antologia d’arte e poesia contemporanee”.

“Il ruolo fondamentale dell’arte oggi – evidenzia il presidente Quia Moreno Stracci – rimane indiscusso: sensibilizzare l’opinione pubblica e portare ad una riflessione sui disagi sociali, e in questo particolare momento storico, sugli orrori della guerra come monito che possa contribuire attivamente alla costruzione della pace. Sia con la pittura che con la poesia, l’intento di questo progetto è stato quello di dare suono a voci artistiche capaci di mostrarci e farci riflettere sul malessere della vita contemporanea, voci che rimarranno scolpite nella coscienza collettiva. Ci siamo riusciti! Grazie a tutti gli artisti”.

Gli artisti partecipanti sono stati Ambra Frezza, Giovanna Rocca, Gioacchino Di Bella, Alba Marchetti, Barbara Bergonzoni, Cinzia Micci, Elvira Gatti, Silvia Faini, Luisa Di Francesco, Giuseppina D’Andrea, Rita Cicciotto, Graziella Pasini, Elvira Nistoro, Pamela Stracci, Moreno Stracci, Rosaria Angelini, Sarina Chiarchiaro, Pasquale Basciu (Paskal Bas), Simona Zazzu, Franca De Vellis, Francesco Navacchi, Gianni Fazi, Maria Caterina Russo, Matteo Sabaini, Angela Anzalone, Alessia Mazzoni, Maria Grazia Guarracino, Bruna Zeni, Beatrice Nicosia, Rosanna Serranò, Marzia Ciliberto, Livia Giovanna Marpicati, Emma Bitri, Donatella Tamborini, Rosario La Greca, Elda Gavelli, Elisa Azzena, Alfredo Cardinali e con il contributo straordinario di Paolo Ciapponi e Chiara Morelli.

I vincitori del concorso abbinato sono stati: per la sezione arti figurative, Silvia Faini con l’opera “Il danno”; per la sezione poesia, Rosario La Greca con il componimento “Scriverò nel cielo”. Tutte le opere partecipanti sono visibili sul sito ufficiale dell’evento. Ogni artista è stato fregiato con il titolo di Ambasciatore Quia per la Pace.

Grazie alla raccolta fondi sono stati acquistati 10 kit di pronto soccorso per adulti e 5 kit di pronto soccorso pediatrico che sono in viaggio verso i centri di intervento in Ucraina grazie alla collaborazione con Olena Anatoliyiuna Stakheieva dell’Associazione giovanile “L’Orizzonte, Oltrisarco – Aslago” di Bolzano.

La promozione della pace nasce dai piccoli gesti quotidiani, così come ci insegna Madre Teresa di Calcutta: “Cosa puoi fare per promuovere la pace nel mondo? Vai a casa e ama la tua famiglia”.

In foto: Moreno Stracci, Presidente dell’Associazione culturale Quia, senza scopi di lucro, con Olena Anatoliyiuna Stakheieva dell’Associazione giovanile “L’Orizzonte, Oltrisarco – Aslago” di Bolzano – consegna dei kit di pronto soccorso.