Scoperto materiale esplosivo ad Anguillara

0
796

I Carabinieri del Compagnia di Bracciano hanno arrestato ad Anguillara un uomo per fabbricazione di esplosivi artigianali.

La Stazione CC di Anguillara ed i carabinieri del nucleo operativo, a seguito di una segnalazione del 118 per una persona ferita da esplosione in Località Ponton dell’Elce, hanno rinvenuto alcuni ordigni esplosivi artigianali di piccole dimensioni all’interno di una abitazione in Località Ponton dell’Elce.

Nello specifico, nel pomeriggio di ieri, il proprietario dell’abitazione, mentre fabbricava illegalmente artifizi in una stanza del suo appartamento, è stato sorpreso da una detonazione involontaria che gli ha cagionato la perdita della mano sinistra. Nonostante il trauma, il soggetto è riuscito a medicarsi autonomamente ed ha richiesto l’ausilio dei soccorsi lontano dalla sua abitazione, (risultando altresì reticente e vago in merito a dove e come fosse avvenuto l’evento traumatico), al fine di non insospettire le FF.PP. sull’ attività illecita da lui svolta.

Fondamentale è stato il primo intervento dei Carabinieri, che dopo aver appreso la notizia dal personale del 118, si sono diretti d’iniziativa e senza indugio presso l’abitazione dell’individuo, ove a seguito di preliminare ispezione hanno accertato la presenza di materiali esplodenti di piccole dimensioni confezionati ed in via di preparazione, ed hanno subito cinturato l’isolato, al fine di assicurare l’incolumità degli abitanti.

Grazie al successivo e pronto intervento del Carabinieri Artificieri, del personale dei Carabinieri del RIS, nonché dei VV.FF. e del 118 (che sono stati impegnati per 2 giorni nelle attività di accertamento tecnico), l’abitazione è attualmente bonificata e sicura.  Sono stati rinvenuti e disinnescati in loco 8 candelotti esplosivi, nonché alcuni grammi di sostanza esplosiva definita “TATP” – ovvero esplosivo artigianale preparato con prodotti chimici di uso comune.

Il soggetto è attualmente dichiarato in arresto. Tuttavia, per chiarezza, si sottolinea che, all’atto degli accertamenti finora espletati, l’esplosivo veniva preparato unicamente per le attività speleologiche svolte come hobby dal predetto e non per fini terroristici o al fine di ledere la pubblica incolumità.