Roma, conferenza “L’arte della buona battaglia” 

0
134
Di Mario Vespasiani. Metodi concreti e spirituali per riconoscere la bellezza e gli inganni del nostro tempo. Martedi 28 febbraio 2023 ore 18:30.

Tra i grandi appuntamenti culturali di questo inizio anno, di un certo rilievo è l’incontro che si terrà negli spazi di Salaria 259 con Mario Vespasiani, artista visivo che si è sempre distinto per una raffinatissima ricerca pittorica, ma anche per essere tra i pochi ad aver sviluppato un impianto teorico e di interpretazione del quotidiano, di estrema lucidità.

Vespasiani, nonostante sia appena quarantenne, è ritenuto uno di quelli in grado di cogliere e addirittura anticipare alcuni tratti fondamentali del nostro tempo, difatti le sue mostre hanno assunto non di rado un carattere profetico, soprattutto se pensiamo a quelle immediatamente precedenti l’emergenza sanitaria, che hanno lasciato degli spunti di riflessione incontrovertibili. Partendo da Underworld in cui ha trattato il tema dell’inconscio, invitava a scendere nelle profondità interiori per non farsi disorientare dalle apparenze e dalle paure, che come pesci fluttuanti appaiono nella metafora di creature degli abissi marini. Seguita dalla mostra nella villa del Palladio, nel vicentino, dal titolo Il tempo dei trentasei giusti  in cui parlava dell’importanza di pochi uomini integri – rappresentati da uccelli che vigilano circondati dall’oscurità – che di fronte alle ipnosi di massa, si prestano a difendere i valori fondamentali. Nell’emblematica mostra di fine 2019, con opere che sfioravano i dieci metri di lunghezza, tenutasi al museo Michetti dal titolo Eschatology, approfondiva il senso del destino ultimo dell’uomo, in riferimento ad un’imminente fase di evoluzione di coscienza. E di recente l’uscita del libro dal titolo A Gentleman in the Word of Art non ha fatto che confermare l’ampiezza della sua visione: nel volume di quasi 500 pagine, puntualizza la sua percezione del mondo su più livelli e l’importanza che le arti visive abbiano nel decifrare gli eventi passati, quelli attuali e per certi versi quelli futuri.

Vespasiani è convinto che stiamo vivendo un’accelerazione energetica come poche nella storia, che mira ad innalzare il livello di coscienza collettiva su un piano più sottile e non si può escludere che l’apertura dell’uomo a tale luce interiore non consenta di accedere ad una memoria ancestrale, dell’anima, come del divino. Per Vespasiani si tratta allora di recuperare delle informazioni che si sono perse o dimenticate con la nascita, in quanto individui condizionati dalla società a dirigere tutti i sensi e le attenzioni verso l’esterno.
Si potrebbe trattare perfino di scorgere il vero significato della nostra comparsa, quali anime immortali in un corpo finito. Nella ricerca di Vespasiani sono fondamentali i concetti di colore e luce, proprio perché con gli uni descrive la condizione terrestre e con l’altra quella eterna, che insieme devono giungere ad una meta unitaria, non più duale e contrastante, ma vibrante ed armonica. Attraverso l’arte Vespasiani ritiene che sia possibile mostrare visivamente come la coscienza individuale sia sempre più collegata a quella planetaria e i sentimenti del piccolo si riflettano nel macrocosmo, fino a cogliere la piena consapevolezza della propria missione.
A tal ragione la conferenza si annuncia imperdibile, in quanto non farà altro che introdurre a questo approccio originale, dalla descrizione del quadro a quella del presente, mediante un linguaggio simbolico, in un’ottica in cui lo spettatore non riveste più il ruolo di passivo ascoltatore, quanto di interprete consapevole, che attraversa non solo lo spazio pittorico, da cui partirà la narrazione, ma anche quello contingente a poi spirituale. 
Mario Vespasiani
L’arte della buona battaglia 
Metodi concreti e spirituali per riconoscere la bellezza e gli inganni del nostro tempo
Martedi 28 febbraio 2023
Inizio ore 18:30
 
Salaria 259 
Via Salaria 259 – Colli del Tronto AP
Come partecipare:
La partecipazione avviene rigorosamente su prenotazione
chiamando il numero: 349 85 35 274
Mario Vespasiani (1978) è un artista visivo italiano

Mario Vespasiani
Inaugura la prima mostra non ancora ventenne e ad oggi ha esposto su tutto il territorio nazionale, in gallerie, musei, luoghi di culto e in contesti inusuali. Nel corso del tempo la sua ricerca ha interessato anche studiosi di varie discipline, che vanno dalla teologia all’astrofisica, dall’antropologia alla filosofia. Si esprime attraverso un alfabeto simbolico che si fonda sulle rivelazioni della mistica cristiana e sulla pratica alchemica della pittura. Attento osservatore delle leggi naturali e degli insegnamenti della sapienza orientale, il suo lavoro va inteso come continuazione dell’opera creativa universale, da cui cogliere il sentimento spirituale.