RIFIUTI DI ROMA: TERRITORIO IN PERICOLO

0
285

A CIVITAVECCHIA TORNANO IN PIAZZA, ANCHE ANGUILLARA SABAZIA A RISCHIO BIODIGESTORE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI.  

Sabato 26 febbraio, a Civitavecchia manifestazione pubblica per ribadire NO al biodigestore, recentemente autorizzato dalla conferenza dei servizi della regione Lazio, nonostante i pareri negativi di Sovraintendenza, Asl RM4 e Comune di Civitavecchia.  

Un territorio ancora vittima di scelte sbagliate, dannose per la salute dell’uomo e dell’ambiente. Di fronte a queste vere e proprie forzature istituzionali, per il bene del territorio e della loro comunità, così hanno già fatto il 2 febbraio scenderanno in piazza in modo unitario e trasversale. Lo fanno sapere comitati e associazioni di cittadini che invitano ad unirsi nella battaglia sabato 26 febbraio alle ore 9.30 appuntamento presso il parcheggio del tribunale di Civitavecchia. 

Mentre solidarietà e sostegno giunge da Alessio Pascucci, sindaco di Cerveteri per la battaglia che il consigliere comunale di Anguillara, Stroncati sta portando avanti contro l’ipotesi di un biodigestore per il trattamento dei rifiuti che sorgerebbe a meno di 500 metri dal centro urbano e dalle abitazioni. “Una scelta inaccettabile per un territorio come quello di Anguillara Sabazia – dichiara – che da oltre 15 anni svolge la raccolta differenziata porta a porta e che è costretta a dover conferire i propri rifiuti a Viterbo. La Provincia – conclude – non può e non deve essere considerato il luogo dove conferire i rifiuti di una Capitale che più volte in passato ha dimostrato di non saper gestire correttamente i propri rifiuti. Come Sindaco di Cerveteri e Consigliere Metropolitano sarò al fianco delle istanze dei Comuni del comprensorio a tutela dell’ambiente”.