“Parco degli Angeli, interviene l’associazione Nuove Frontiere”

0
1859
foto di repertorio

Egregio Direttore, non volevamo replicare, perché sappiamo che agli occhi dell’opinione pubblica, nessuno di noi fa una bella figura. Il fango schizza tutti, purtroppo, ma  siamo costrette  a replicare a dei comunicati retorici e buonisti, per dire la nostre e tutelare la dignità di donne e mamme, che hanno lottato e continueranno a lottare per amore dei propri figli.

Il maresciallo inonda da giugno dell’anno scorso le nostre caselle di posta elettronica ed il gruppo wattsapp di farneticazioni di ogni specie a qualsiasi ora del giorno e della notte, senza fare distinzione tra giorni feriali e festivi.

Le centinaia di comunicati a noi inviati rappresentano, oltretutto, una contraddizione in termini: si dice tutto e il contrario di tutto.

I fatti reali sono che questo signore ha di sua esclusiva iniziativa costituito a giugno dell’anno scorso una nuova associazione, avendo la spudoratezza di chiamarla con lo stesso nome del Parco degli Angeli, ove opera la nostra Associazione “Nuove Frontiere Onlus” dall’anno 2007.

Ha avuto la sfrontatezza, altresì nel periodo in cui lui era presidente dimissionario di Nuove Frontiere di scrivere lettere formali nella sua qualità di presidente della nuova associazione Parco degli Angeli al presidente (lui stesso) dell’associazione Nuove Frontiere, decidendo a suo piacimento le sorti dell’una e dell’altra associazione.

In pratica se la cantava e suonava da solo, come purtroppo lo abbiamo abituato a fare durante i sette anni in cui è stato presidente della Nuove Frontiere, e questo è stato il nostro vero errore: dare fiducia incondizionata alla sua persona, in quanto “uomo di legge”.

Questi ha avuto il coraggio di denunciarci per furto della cassetta postale della sua associazione. I carabinieri di Ladispoli ci hanno subito voluto interrogare, per poi scoprire che la cassetta era conservata all’interno del Parco. Unico caso di giustizia veloce; per altri comuni cittadini le denunce giacciono per anni e vengono poi direttamente archiviate senza essere prese in considerazione.

Lui ha la fortuna di portare una divisa e di vantare amicizie importanti (almeno così dice).

Ci ha poi citato in giudizio avanti il Tribunale di Civitavecchia e la causa ci sarà questo mese.

Non pago di quanto sopra, il suddetto trattiene indebitamente da settembre dell’anno scorso a oggi tutta la documentazione contabile e non di Nuove Frontiere e, con varie scuse, ha sempre evitato di consegnarla, creando degli enormi problemi di gestione all’associazione.

Qualche settimana fa abbiamo subito l’ennesima provocazione del Presidente della Parco degli Angeli che, insieme ad altri suoi soci, pretendevano di entrare al Parco, in quanto comodatari d’uso, espropriando di fatto Nuove Frontiere.

Sono dovuti intervenire i Carabinieri di Cerveteri e un ragazzo disabile è stato vittima di una crisi di nervi a causa dell’impossibilità di accedere al Parco, per la presenza  degli associati della Parco degli Angeli, che seppur senza violenza alcuna, hanno creato una situazione di tensione inutile e dannosa.

Questo episodio increscioso è stato stigmatizzato dal sig. Bellantone, che non ha esitato a scrivere che il ragazzo  “è stato usato come scudo : fango inutile e dannoso.

In tutto questo, l’Associazione Nuove Frontiere, a parte l’ex Presidente, non ha espulso alcun socio e li ha sempre fino ad oggi convocati al Direttivo, alle Assemblee dei soci ed a manifestazioni ed eventi, inviando loro tutti i verbali.

I soci ordinari (pochi) che hanno scelto di essere soci anche della Parco degli angeli: associazione costituita non si sa ancora per quale scopo, sono continuamente informati di tutte le attività e le decisioni di Nuove Frontiere, mentre nulla si sa di quello che succede nell’altra associazione.

La nostra è un’ Associazione libera e democratica, non ha nulla da nascondere ed è aperta a tutti: non ci sono né dittatori e né sudditi!

Nella speranza di essere state brevi e concise, pur avendo ancora tanto da sviscerare, segnaliamo che questo è il nostro ultimo comunicato e la nostra ultima risposta alle farneticazioni retoriche del Bellantone, nelle quali è palese l’intenzione di muovere a compassione la popolazione, sempre pronta a credere alle parole.

Cogliamo l’occasione per rispondere brevemente al sig. Mario Frazzetta, anch’egli con il suo comunicato ha rappresentato se stesso come un “ portatore di pace e amore “, quando si è reso complice e sostenitore di una serie di ritorsioni ai danni della nostra Associazione e della Presidente Olivan.

Ha omesso il suddetto Frazzetta di dire che da socio onorario di Nuove Frontiere Onlus, è diventato Socio Ordinario della Parco degli Angeli, insieme a molti altri soci onorari.

Ha omesso di scrivere che la Presidente Olivan, lo scorso autunno, l’aveva contattato telefonicamente in presenza di testimoni, per chiedergli un incontro proprio per trovare una soluzione. Il suddetto non solo non diede alcuna disponibilità, asserendo che non era nelle sue possibilità offrire alcun aiuto, ma provocatoriamente consigliò alla Presidente di “ chiamare un prete “.  E un prete fu chiamato  in occasione della commemorazione dei morti.

Ha omesso il Sig. Frazzetta di dire che è stato invitato dalla Presidente per una messa in ricordo di suo padre e degli altri defunti della nostra Associazione, al Parco Degli Angeli e lui non ha declinato l’invito, adducendo altri impegni.

A fronte di tutto questo non capiamo quali siano le sue buone intenzioni, visto che ci avrebbe anche tolto il comodato d’uso del terreno, affidandolo alla Parco degli angeli.

Siamo persuase che in tutta questa triste vicenda gli unici che ci rimettono sono i ragazzi disabili e finora abbiamo mantenuto il silenzio, proprio per tutelare i nostri figli. Ora dopo aver spiegato quanto sopra, lasciamo la parola alla Legge e noi torniamo a occuparci di cose serie per il futuro e il presente dei nostri figli.

Per chiunque fosse interessato ad approfondire quanto sopra, sul nostro sito www.associazionenuovefrontiere.org è possibile vedere gli orari di ricevimento della segreteria, saremo felici di incontrarvi.

Associazione Nuove Frontiere 

Una lettera di replica molto dura che conferma quanto sia delicata questa brutta storia che vede come vittime i ragazzi disabili di Cerveteri e Ladispoli. Naturalmente, tutti coloro che volessero replicare, avranno identico spazio sulle nostre pagine. Nella speranza che, aldilà delle schermaglie, si possa trovare una soluzione di buon senso visto che il Parco degli Angeli è un patrimonio sociale di tutti.