Intervista al sindaco Elena Gubetti

0
663

«SONO IO LA PRIMA DONNA SINDACO A CERVETERI: È UN SOGNO»

ELENA GUBETTI PROCLAMATA AL GRANARONE PARLA DEI SUOI PRIMI 100 GIORNI DI ATTIVITÀ E FA SUBITO UNA PROMESSA: «VALORIZZEREMO LE FRAZIONI»

Svegliarsi da sindaco non è la stessa cosa che candidarsi per indossare la fascia tricolore. E questo Elena Gubetti, prima donna sindaco della città, sposata e madre di tre figli, lo ha subito compreso. Architetto torinese di 48 anni è stato travolto da un turbinio di emozioni. Poi la proclamazione del sindaco al Granarone.

Cosa ha provato non appena è arrivata l’ufficialità dalle urne?
«Una sensazione bellissima, lo ammetto. Ho tante idee per il futuro. Posso dire però di aver scritto la storia? Sul litorale nord non era mai avvenuto prima. Dopo una serata di apprensione ho finalmente acquisito la consapevolezza di aver scritto la pagina di Cerveteri».

Si aspettava un risultato simile?
«Ringrazio intanto i cittadini che ci hanno premiato, e hanno premiato il nostro lavoro entusiasmante. Ce l’aspettavamo perché nelle ultime ore l’apparentamento è stato ben compreso dai cerveterani: una grande ammucchiata, un grande bluff. I cerveterani hanno confermato la fiducia alla nostra squadra, scegliendo l’onestà, la buona amministrazione, la stabilità amministrativa e la trasparenza. Ci hanno rinnovato il loro consenso e siamo pronti subito a metterci al lavoro per completare e realizzare tutti quei progetti già finanziati e che la città sta attendendo».

Cosa fare nei primi 100 giorni, partendo naturalmente dall’estate?
«È il primo banco di prova. Il 23 e il 24 luglio sul litorale di Campo di Mare ci raggiungeranno almeno 80mila persone per assistere al mega concerto. Saranno due giorni bellissimi, ne sono convinta. La nostra fortuna è avere una macchina amministrativa già funzionante e per questo siamo pronti ad inaugurare “Liberamente”, piano che garantisce l’accessibilità in mare per i disabili grazie all’arenile attrezzato. È un progetto della Regione che approveremo per il secondo anno consecutivo. Poi è chiaro, un occhio di riguardo lo avremo per tutti i bagnanti. Le spiagge libere saranno sorvegliate dai bagnini».

Tornerà la Sagra dell’Uva?
«Per due anni, causa pandemia, il tradizionale appuntamento è saltato, ora siamo pronti a riproporre la nostra festa. E ne beneficeranno tutti, cittadini e vacanzieri. Non meno importante sarà l’Etruria Eco Festival. Un simbolo per Cerveteri ormai da tanti anni».

Che Giunta quella di Elena Gubetti?
«Vedremo in questi giorni, avremo di certo esponenti al femminile e ricordo che in aula, solo per la maggioranza, entreranno sei donne».

Quali nodi importanti per il futuro?
«Abbiamo cinque anni di sfide importanti: dobbiamo avviare i lavori, già finanziati con i fondi del Pnrr e della Regione Lazio, sul lungomare dei Navigatori Etruschi, investire gli oltre 2milioni di euro del Piano di Rigenerazione Urbana per le aree verdi, lavorare per il rilancio e la valorizzazione delle frazioni. Non meno importante l’attenzione per il sociale. Prepareremo al più presto un tavolo per un lavoro in sinergia a favore delle fasce più deboli e tra le priorità ho anche quella di pensare a come procedere con il riassetto del personale. Gli uffici sono in sottorganico».

Non si dimenticherà dei temi relativi al verde e dell’emergenza idrica, vero?
«Nel modo più assoluto, sono altri due aspetti importanti che stanno a cuore a questa amministrazione».