Draghi:”Super green pass per salvare il Natale “

0
147
Draghi

Quando prevenire è meglio che curare! Ma l’anima come la salvi? 

Ricorderemo il 2021 come l’anno più squallido della storia d’Italia. Il più feroce sicuramente, frutto di manovre subdole perpetrate nel tempo di cui oggi gli artefici raccolgono i frutti. Per chi vede non sarà semplice dimenticare nomi, fatti e luoghi che hanno traghettato tutte le anime nel buio.
Per legge ad una parte di cittadini vengono negati i diritti fondamentali che per Costituzione non potrebbero essere messi in discussione con il consenso dell’altra parte della mela, ignara che domani sarà lei morsa, con avidità.
Ci attende un inverno impegnativo se non per la quarta ondata, per lo spettro di ospedali affollati, di bare e contagi che già sorvolano l’Europa tutta, e poca importa se non si materializza lo scenario, la paura ha già vinto. Con essa la cattiveria. Dilaga, contagia e vince perché, chiamandola prevenzione, negano la vita a sorelle e fratelli e tale violenza è il premio per i bravi ragazzi. Paragonabile all’essere già morti?

Il Consiglio dei ministri ha approvato all’unanimità il decreto.
Dal 6 dicembre al 15 gennaio.
Solo gli immunizzati avranno accesso alle attività ricreative – come ristoranti, cinema, stadi – mentre il tampone basterà per andare al lavoro, in palestra, negli alberghi. E un test sarà obbligatorio anche per i mezzi pubblici.