Cerveteri, 1 milione e 200mila euro buttati a mare

0
963
cerveteri

Contributi regionali persi perché non utilizzati. Erano per il distretto socio sanitario di Cerveteri-Ladispoli di cui Cerveteri è comune capofila. Pascucci non risponde ad una interrogazione dell’opposizione prodotta a febbraio.

di Toni Moretti

Un milione e duecentomila euro di contributo regionale per il distretto socio sanitario dei comuni di Cerveteri e Ladispoli, persi perché non utilizzati. La premessa doverosa è che tale distretto comprende la partecipazione dei due comuni al 50% con la responsabilità di capofila di Cerveteri.

Cerveteri che deve sviluppare progetti, ed avrebbe dovuto costituirsi in consorzio nonché avrebbe dovuto assumere personale, proprio con quei danari stanziati e non spesi e occuparsi dei bisogni delle persone più fragili e più deboli delle due comunità. Il distretto si avvale anche del coordinamento di un direttore, nominato dal comune di Cerveteri nella persona di Nicoletta Teodosi che avrebbe dovuto avere la funzione di predisporre e preparare nonché suggerire i progetti necessari all’Assessore Cennerilli, attualmente anche Vice Sindaco, la quale, già in passato ha dimostrato che programmazione e pianificazione decisamente non sono il suo forte.

E poi, c’è il poliedrico attento ed onnipresente Sindaco Pascucci che sembra di non sapere più a chi dare i resti nella gestione di scalcinati Assessori che paradossalmente, con questa vicenda sembra più impegnato a salvare un grosso imprenditore che provvedere ai bisogni della povera gente. Forse il suo mitico “non lasceremo indietro nessuno” prevedeva la precedenza ai più grossi.

Ma qualcuno dovrà rispondere di questa vicenda tanto che i consiglieri di opposizione Anna Lisa Belardinelli e Luca Piergentili hanno depositato una interrogazione il 7 febbraio nella quale chiedono il motivo del mancato utilizzo dei fondi e di chiarire eventuali responsabilità, ma non c’è stata risposta.

Rettifica: «In relazione all’articolo a mia firma apparso su questo giornale ritengo doveroso rettificare le notizie riguardanti la dottoressa Nicoletta Teodosi, la quale aveva incarico come esperto della pianificazione e della programmazione del distretto socio sanitario dei comuni di Cerveteri e Ladispoli, del quale non fu comunque mai direttore. Detto incarico ebbe fine nell’anno 2019. Mi scuso pertanto con la dottoressa Teodosi e con i lettori per l’inesattezza, dovuta ad una errata interpretazione delle notizie in mio possesso ed in assoluta buona fede».
Toni Moretti