Valle del Manganello, una meritoria opera di recupero

0
269
Valle del Manganello

Un luogo antico e di grande impatto naturalistico, che l’Associazione Archeo Park Manganello ha riqualificato con l’obbiettivo di aprire la valle al turismo alternativo.

Di Mario Vari

La valle del Manganello, area di particolare pregio storico e paesaggistico, sita nel comune di Cerveteri, è caratterizzata da verdi pendii, da boscose e pittoresche vallate, da caratteristiche accidentalità del terreno abbellite dal torrente Manganello. E’ arricchita da punti panoramici (circonvallazione con veduta verso il mare e collina della Banditaccia) accessibili al pubblico.

Il Manganello riveste interesse anche sotto altri aspetti. Cominciamo con il dire che questa forra, unitamente al fiumiciattolo che la percorre, deve la sua importanza al fatto che delimitava verso nord e rendeva inespugnabile il pianoro su cui sorgeva l’etrusca Caere.

Dalla urbica del Manganello rivolta verso Tarquinia, secondo fonti storiche prendeva inizio, molto probabilmente, una via larga più di dieci metri che univa la città etrusca al porto di Pyrgi.

Le vecchie case, oggi in gran parte ristrutturate, hanno cambiato aspetto, eppure “la Boccetta“,il cuore medievale di Cerveteri, conserva il suo fascino. Questo storico quartiere si affaccia verso nord in direzione Santa Marinella e Tarquinia, e domina una ripida scarpata, sul cui fondo scorre un tranquillo corso d’acqua in mezzo a un fitto canneto: il fosso del Manganello.

Sulla parte esposta della scarpata, composizione naturalistica, flora, fauna, sepolcri nascosti, riescono ad affascinare il visitatore rivelando l’essenza di questo meraviglioso territorio. Oltre le ciclopiche masse tufacee, dove una fitta macchia mediterranea ricca di profumi naturali corona dei bastioni di roccia, si scorgono i tumuli della Banditaccia; sembra quasi di poterli toccare. Completa il quadro la linea dei colli cerisi. Possiamo definirlo un punto di partenza per l’educazione ambientale.

Il grande obbiettivo da affrontare è quello di riformulare e ripensare gli stili di vita in modo sostenibile, cercare di “reinventarsi” per essere consapevoli della propria posizione all’interno del territorio. Da questi pochi cenni risulta evidente il valore paesaggistico-ambientale della piccola vallata, ricca di acque sorgive e che non ha conosciuto lo scempio urbanistico di altre località del territorio cerveterano.

Proprio la valle del Manganello si sta rivelando, alla luce delle più recenti ricerche, una fonte di dati e di testimonianze del periodo etrusco di grande importanza per quanto riguarda viabilità, urbanistica ed aree sacre. Come si può facilmente arguire, il discorso appena delineato non è destinato a qualche romantico passeggiatore. Infatti questa breve stretta e profonda valle, quasi un canyon, merita un’attenzione tutta particolare quanto a tutela e restauro ambientale perché offre bellezze naturali ed archeologiche proprio a ridosso dell’abitato di Cerveteri e si rivela un itinerario d’eccezione, a piedi, ciclabile, verso il sito UNESCO della Banditaccia.

E’ necessario infatti modificare la percezione che gli abitanti hanno delle aree da proteggere, incoraggiandoli a considerarle luoghi dove vivere nuove esperienze, per rendere più concreto il rapporto con la natura, facendo in modo che le persone si riapproprino di una parte di sé.

Sono quindi felice dell’opera di pulizia e riqualificazione dell’area e che l’associazione Archo Park Manganello ha compiuto per la creazione di un passaggio ciclo-pedonale all’interno dell’area privata che conduce verso la valle. Cerveteri è baciata dalla fortuna e dal sole, è uno scrigno prezioso che si può aprire al turismo in qualsiasi momento dell’anno. Il clima e le straordinarie bellezze paesaggistiche e culturali della zona vanno considerate come volano prezioso del nostro turismo per 365 giorni l’anno.

Quale modo migliore per insegnare ai nostri ragazzi la passione e l’amore per il bene pubblico, se non quello di responsabilizzarli direttamente attraverso la cura e la manutenzione di uno spazio aperto a tutti?