Tentata truffa da 30 mila euro ai danni dell’ex sindaco Fausto Ruscito

0
299

Tentata truffa telematica ad un noto costruttore di Ladispoli. Conosciuto anche per il suo passato nella vita amministrativa della città con importanti incarichi. Un operatore economico a cui erano stati sottratti 30 mila euro durante il trasferimento via web di tre bonifici bancari per il pagamento di lavori edili in un cantiere. Vittima del raggiro, poi sventato in extremis, come riportato dalle pagine de Il Messaggero, è stato l’imprenditore Fausto Ruscito, sindaco di Ladispoli negli anni novanta. L’episodio è stato denunciato ai carabinieri che, in collaborazione con la polizia postale, stanno tentando di risalire agli hacker autori della tentata truffa.

“Pochi giorni fa – racconta Ruscito – ho ricevuto tre fatture per il saldo di interventi effettuati da una ditta in alcuni miei immobili. Normale routine, sono anni che collaboriamo con questa impresa. Non ci siamo dunque resi conto che il numero dell’Iban su cui effettuare i bonifici era cambiato e che il conto era postale e non bancario. Pur essendo intestato alla stessa ditta. Era infatti accaduto che, durante l’invio delle tre fatture al nostro indirizzo di posta elettronica da parte della ditta, qualcuno aveva intercettato la mail, modificando il numero del conto corrente per farsi accreditare i 30 mila euro e dileguarsi. La truffa degli hacker sarebbe riuscita se la mia banca non si fosse accorta dell’anomalia, bloccando immediatamente il pagamento quando l’impresa ci ha confermato che aveva spedito le fatture col consueto numero di Iban. Solo grazie alla concomitanza del periodo festivo ed al rallentamento delle attività bancarie, siamo riusciti a recuperare tutto il denaro. Altrimenti i pirati telematici avrebbero derubato sia noi che avevamo pagato le fatture, sia l’impresa che non li avrebbe mai ricevuti”.

A Ladispoli, secondo quanto trapelato, da tempo gli hacker sarebbero in azione sia per modificare le fatture inviate via web, sia con l’attività di clonazione delle carte di credito.