Spettacolo teatrale “La partita di Natale”

0
291
partita di natale

Civitavecchia – Il Gruppo teatrale The Alpha Sapiens presenta la sua nuova produzione dal titolo “La partita di Natale” che debutterà al Teatro Granari SpazioOff il prossimo 9 dicembre. Lo spettacolo è scritto da Danilo Catalani, musicato da Giovanni Cernicchiaro, per la regia di Roberto Fiorentini. Il testo è tratto dal romanzo La partita di Ypres dello stesso Catalani.  

Il Gruppo, attivo da quest’anno, propone un tipo di teatro che mixa reading, recitazione e musica live, utilizzando talvolta anche contenuti multimediali.

Belgio, 24 dicembre 1914: nei pressi della cittadina di Ypres gli spari della Grande Guerra, per una notte, si diradano fino a cessare. Accade una magia che per anni gli Stati Maggiori degli eserciti inglese e tedesco, cercheranno di tenere nascosta. Questa è la storia di quando centinaia di soldati tornarono ad essere umani e di un vecchio pallone di cuoio. Ma è soprattutto la storia di due nemici, Scott e Hans, che in una notte magica ed inaspettata, scoprirono di avere molte cose in comune, tante da rendere loro difficile capire perché fossero costretti a spararsi addosso, dietro due opposte trincee, in mezzo al fango, al freddo, ai topi e sotto una pioggia incessante. In scena tre personaggi: un narratore, in frac, che introduce, spiega e racconta, ma si occupa anche di fare dal vivo una colonna sonora, cantando e suonando la chitarra e un pad con gli effetti elettronici, che mette insieme canti tradizionali natalizi e musica rock. Di questo personaggio possiamo solo dire che sembra guardare dall’alto le terribili vicende della guerra vissute dagli altri due protagonisti. Poi i due nemici. Scott Mc Caw, 2° Battaglione degli Scots Guard e mediano della squadra di Edimburgo Heart of Midlothian, e Hans Shumann, del 139° Reggimento Sassoni e centravanti del Viktoria Magdeburg. Ognuno dal suo lato della barricata, i due soldati ci racconteranno l’orrore della guerra e la poesia dei piccoli momenti di fratellanza nella vita delle trincee, la struggente nostalgia della lontananza da mogli, figli e fidanzate e la paura che ti attanaglia quando sulla tua testa piovono i colpi di mortaio. E tutto questo fino ad una notte speciale, la notte di Natale del 2014, quando, non si sa perché, i soldati smisero di sparare ed uscirono a scambiarsi doni e bottiglie di liquore. Hans e Scott si stringeranno la mano, fumeranno insieme la pipa, si mostreranno le foto di chi hanno lasciato a casa e giocheranno a pallone, mettendo fucili e cappotti per fare le porte, tutti contro tutti, come si giocava per strada in Scozia ma anche in Germania. Poi, però, la magia finirà e ciascuno tornerà dentro al suo buco nel fango, non prima, però, di essersi scambiati le spille della propria squadra di calcio ed un segreto che riguarda Hans e sua moglie Margarethe.