Recupero degli oliveti abbandonati

0
343

Nella Tuscia si sono oltre 100.000 piante abbandonate che nessuno cura e gestisce da anni.

Il recupero di oliveti abbandonati è ormai l’attività principale realizzata dal “salvatore degli ulivi della Tuscia”, Pierluigi Presciuttini, cresciuto nell’azienda di famiglia e che dal 2016 recupera gli oliveti abbandonati nelle campagne circostanti.

La passione per queste piante meravigliose lo  ha spinto ad intraprendere con dedizione e caparbietà la ricerca di continui miglioramenti agronomici nella gestione degli oliveti, partendo dalla coltivazione a vaso policonico fino agli strumenti per l’indicazione del corretto periodo di raccolta, privilegiando sempre una coltivazione sostenibile e naturale ed escludendo l’utilizzo di prodotti chimici dannosi, nella convinzione che la naturale qualità del prodotto debba essere sempre al primo posto. 

 

Per essere sempre più vicino agli oliveti che ha salvato dall’incuria ha deciso di trasferire il frantoio nel cuore della Tuscia sulla Strada Tuscanese Km 8+100 direttamente a Viterbo (VT). La nuova sede immersa nella campagna circostante circondata dalle piante di olivo gli permette di accorciare i tempi di trasferimento del prodotto raccolto al frantoio e, in questo modo, garantire la velocità di lavorazione del frutto, perché l’olio Evo è quello realizzato come nell’antichità,  ricavato con la sola spremitura di olive sane, quelle che non hanno mai toccato terra e la sua lavorazione viene fatta unicamente con supporti meccanici senza l’aggiunta di additivi.

Soltanto nella Tuscia si sono oltre 100.000 piante abbandonate che nessuno cura e gestisce da anni. Ebbene uno degli obiettivi è quello di recuperare il maggior numero possibile di queste piante, riportandole in produzione occupandosi di tutti gli aspetti della filiera, dalla potatura, fino alla concimazione e raccolta e trasformazione dei frutti.

Una volta rimessi in produzione gli ulivi, Pierluigi, riesce anche a salvaguardare il territorio circostantePianta dopo pianta, è arrivato a recuperarne oltre 3.500 e si prefigge di sensibilizzare gli amanti di questo prodotto d’eccellenza per il recupero del patrimonio olivicolo ed oleario, infatti nella nuova sede è possibile partecipare a  degustazioni, corsi di assaggio ed iniziative gastronomiche legate al mondo dell’Olio di Eccellenza.