NASCE IL MOVIMENTO INDIPENDENZA

0
616

Indipendenza dalla Nato e dall’Unione Europea. Contro il sostegno alla guerra.

Il Comitato Fermare la guerra – “per un’altra  Europa”, il primo  nato in Calabria per opporsi all’invio di armi all’Ucraina, e poi impegnato anche a sostenere il diritto dei palestinesi ad uno Stato indipendente e sovrano, ha aderito al movimento politico “INDIPENDENZA “.                                                                                                                                  “INDIPENDENZA!“ è nato ufficialmente il 26 novembre scorso all’hotel Midas, a Roma.      Segretario razionale è stato eletto Gianni Alemanno, presidente Massimo Arlechino.
Nasce dalla necessità e dalla volontà di cercare di raccogliere tutti i movimenti non omologati al sistema iperliberista che vuole  cancellare  ogni identità e imporre la dittatura planetaria.

Il Movimento, come dice il nome, si propone di promuovere la riconquista dell’indipendenza italiana. Indipendenza dalla Nato che ci costringe a combattere le guerre angloamericane perfino contro il nostro interesse nazionale.

Indipendenza dall’Ue che con i suoi vincoli e le sue assurde “direttive”  ci impone la distruzione della nostra economia e dello Stato Sociale. Indipendenza dalla Bce che con la sua dittatura monetaria impone il potere dell’usura; Indipendenza dall’americanismo che cancella culture millenarie e identità dei popoli e delle persone.

All ‘assemblea, che ha visto la partecipazione di oltre cinquecento  delegati e di diversi rappresentanti del mondo della cultura non omologata al pensiero unico (Andrea Zhok, Giuseppe Tritto, Nino Galloni) e del mondo del lavoro e della produzione (Stefano Nasini, di Coldiretti), ha partecipato anche una numerosa delegazione di Calabresi e diversi fra loro  sono stati chiamati a far parte della Direzione Nazionale.
Per la provincia di Catanzaro sono stati  eletti Lorella Celia, Luigi Colosimo, Antonella Folino e Francesco Mastroianni.                                                                                              Per la delegazione della  stessa provincia hanno partecipato all’assemblea anche altri quattro lametini: Antonio d’Alessi e Giuseppe Isabella, del Comitato Fermare la guerra: Paolo Di Matteo e Pasqualina Ventura di Exit.
Ufficio stampa