I giovani della «Via Lucis» in cammino da Roma per 3.000 chilometri

0
345
via Lucis

Una Via Lucis missionaria che sosterà in 14 città e 14 istituti missionari. I giovani riceveranno il mandato missionario dal vescovo mons. Daniele Salera

Partiranno domenica 21 agosto, dalla Stazione Termini di Roma, i giovani della “Via Lucis itinerante”, cammino giunto alla quarta edizione, che nasce dal desiderio di incontrare in prima persona i poveri che spesso si concentrano nelle stazioni ferroviarie, per vivere insieme un momento di preghiera e di servizio e portare loro la speranza del Vangelo.

I ragazzi riceveranno il mandato missionario nella giornata di sabato 20 agosto, durante la celebrazione che si terrà nel giardino delle Suore della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret, che sarà presieduta dal vescovo ausiliario di Roma mons. Daniele Salera. Mentre domenica 21 agosto i giovani e le diverse congregazioni missionarie si raduneranno in piazza San Pietro per assistere all’Angelus e ricevere la benedizione di Papa Francesco, che si affaccerà dalla finestra del suo studio nel Palazzo Apostolico.

Il percorso, che si concluderà il 3 settembre a Torino, è organizzato dall’associazione Tucum Odv in collaborazione con Terra e Missione Aps e con il Festival della Missione. Il cammino è lungo circa 3.000 chilometri e si snoda nelle stazioni centrali di 14 città d’Italia, che verranno raggiunte in treno e a piedi, giorno dopo giorno. Ogni tappa sarà suddivisa in tre momenti: uno spazio di testimonianza, un laboratorio di prossimità nelle diverse stazioni ferroviarie, e un momento di adorazione eucaristica, che sarà accompagnato dalla presentazione di un “Santo della porta accanto”.

La testimonianza di fede di David Buggi (1999-2017), diciassettenne romano che ha offerto la sua malattia e le sue sofferenze per la salvezza dei giovani, sarà al centro dell’appuntamento romano che si terrà alle ore 21 nella basilica del Sacro Cuore di Gesù, in via Marsala, nelle vicinanze della Stazione Termini. Per l’occasione ci saranno alcuni interventi che aiuteranno i presenti a conoscere a fondo la profondità spirituale di David e il suo amore per il Crocifisso, a cui il giovane è andato sempre più assimilandosi, non solo nella sofferenza, ma specialmente nella gioia di farsi prossimo a tutti per portare la luce di Dio.
Per maggiori informazioni: www.tucum.it.