Frane e valanghe travolgono l’Italia

0
260
frane e valanghe
Il temporale che ha investito Palermo nel giorno del Festino di Santa Rosalia, la patrona della città, che quest'anno non prevede manifestazioni in strada, 15 luglio 2020. La pioggia ha iniziato a cadere copiosa nel primo pomeriggio e da quel momento il centralino dei vigili del fuoco non ha smesso di squillare: strade allagate nella zona dell'ospedale Buccheri La Ferla, in via Messina Marine e nei pressi degli ospedali Civico e Policlinico. Disagi alla circolazione anche in viale Regione Siciliana, in via Ugo La Malfa e all'imbocco delle autostrade Palermo-Catania e Palermo-Mazara del Vallo. ANSA/ FRANCESCO TERRACINA

Vento, pioggia e neve. Case allagate, alberi caduti: il bilancio dei danni.

Nel Messinese come a Modena la Penisola nel fango, valanghe e frane minacciano il Paese. Evacuate le abitazioni, a Messina una vittima, un operaio travolto dal fango è finito in un canale. Le zone alpine sono alle prese con intense nevicate che ne causano la paralisi, il nord, in particolare la Pianura Padana provano a fronteggiare alluvioni e straripamenti che trasformano le strade in acquitrini e paludi causando centinaia di sfollati, il crollo di ponti e infrastrutture. Anche la Basilicata flagellata da allagamenti e frane.

frane e valanghe

Dal dipartimento di Protezione Civile avvertono che siamo solo all’inizio dell’ondata di maltempo: nuovo impulso che si estenderà nella giornata dell’8 in tutto il Paese, fino a mercoledì l’attuale vortice si concentrerà in particolare sulle Regioni adriatiche e appenniniche, da mercoledì una nuova depressione porterà poi temporali in tutto il territorio, da giovedì sarà il Centro-Sud ad essere investito. Sarà necessario dunque attendere fino a domenica per avere una tregua, la pioggia è prevista fino ad allora.