Concerto di Jovanotti a Ladispoli, si viaggia verso il tutto esaurito

0
789

Lorenzo Cherubini da bambino veniva al mare a Ladispoli, ha scelto la spiaggia di torre Flavia per l’unica tappa nel Lazio del suo Jova Beach PartyAldilà delle simpatie politiche che i cittadini possono avere, occorre dare atto all’amministrazione comunale di Ladispoli di aver mantenuto l’impegno di elevare l’immagine culturale e spettacolare rispetto al passato. Su queste pagine per anni abbiamo segnalato come Ladispoli meritasse molto più di artisti di basso profilo, scarti della televisione, spettacoli cervellotici per intellettuali tristi. Rappresentazioni che rastrellavano pubblico soltanto perché gratuite. Ogni volta che qualcuno ha tentato di organizzare show a pagamento sono stati disastri economici. Gli eventi degli ultimi mesi confermano che finalmente la tendenza è cambiata. Ladispoli non è più soltanto la spiaggia popolare dei romani, dove assistere a spettacoli di comici grevi, bensì sta diventando una tappa ambita per eventi di caratura nazionale. Parafrasando la celebre frase del grande Nino Manfredi nel film “In nome del Papa Re” del 1977, ora possiamo scrivere “Jovanotti, a Ladispoli c’è il concerto”. Ebbene sì, Lorenzo Cherubini, cantautore, rapper e disc jockey di enorme successi, ha scelto la spiaggia di torre Flavia per l’unica data nel Lazio del suo Jova Beach Party. Quello che tutti già definiscono l’evento dell’estate 2019, uno spettacolo viaggiante che toccherà lidi rinomati e prestigiosi come Lignano Sabbiadoro, Rimini, Castel Volturno, Barletta, Olbia, Albenga, Viareggio, Lido di Fermo, Praia a Mare, Roccella Jonica, Vasto per concludersi sulla cima di Marebbe. Ladispoli è entrata in questo circuto di note località turistiche, il 16 luglio Jovanotti si esibirà sulla spiaggia di torre Flavia dove sono state già annunciate massime misure di sicurezza sia per il sereno svolgimento dell’evento che prenderà il via di primo pomeriggio, sia per proteggere la palude dal massiccio arrivo di fans dell’artista romano. Secondo un primo calcolo molto approssimativo, almeno 25 mila persone acquisteranno il biglietto per assistere al concerto di Jovanotti che, a partire dalle 20,30, canterà e ballare nella splendida coreografia naturale della spiaggia antistante la torre, simbolo di Ladispoli. Da giorni non si parla di altro, i biglietti in vendita on line stanno andando a ruba, sono in molto a domandarsi cosa sia questo evento. Jova Beach Party, come è stato spiegato in fase di presentazione, è un cocktail di eventi che hanno l’obiettivo di ricordare a tutti che l’estate è gioia ed allegria. Jovanotti ha raccontato che da bambino veniva al mare a Ladispoli, la sua è stata una scelta di cuore.

“Questo tour – ha detto Jovanotti – è più di uno stadio, più di un palasport, più di un festival, molto più di un concerto. E’ una città temporanea, un villaggio sulla spiaggia, un nuovo format di concerto, un happening per il nuovo tempo. C’è il mare, la musica, la gente, la vita. E’ una visione che ho maturato lungo tutto l’arco di oltre 35 anni di musica e di performance live, partendo da una console arrivando fino all’ultimo tour. Dopo 67 palazzetti gremiti con oltre 560 mila spettatori, ho inventato una nuova formula, e trasformo un concerto, in una grande giornata in cui le emozioni, la musica, il ballo e il divertimento, siano il centro di tutto. Già durante i miei ultimi show si rafforzava in me il bisogno di tenere insieme diversi linguaggi in un format unico che risultasse fluido, e allo stesso tempo sentivo che poteva esserci qualcosa in più, di diverso, e di più eccitante ancora. Quando ho iniziato a lavorare nei locali i Dj erano dietro ai loro giradischi al buio, nessuno se li filava. La musica era tutto. In qualche anno è successo quello che tutti vediamo oggi in cui Tomorrowland fa numeri più grandi di Glastonbury, fino al paradosso della finzione totale in cui la console è diventata un altare palco dove si celebra una funzione spesso preprodotta a cui manca sempre una vibrazione reale. La musica per il pubblico è il pretesto per mettere in scena se stessi, è sempre stato così ma nell’era digitale e social lo è più radicalmente”.

Ma c’è un aspetto che ci piace sottolineare. Jova Beach Party è un’esperienza artistica, fisica, sensoriale e con particolare attenzione all’ambiente. Jova Beach Party è a fianco del Wwf in una sfida importante per la natura e per la salute umana: la lotta all’inquinamento da plastica.

Jova Beach Party e il Wwf Plastic Free Tour, saranno insieme nell’estate 2019 per sensibilizzare l’opinione pubblica e offrire soluzioni concrete su una delle principali emergenze ambientali che sta mettendo a rischio molte specie animali e minacciando la salute umana, vista la contaminazione da plastica delle catene alimentari.

“Jova Beach Party – prosegue Jovanotti – è nuovissimo. E’ un happening, una vera irruzione nella quotidianità e nel già visto, uno spettacolo che comincia quando si esce di casa e che va avanti fino a ballare in spiaggia al chiaro di luna. È lo spirito del rock’n’roll e del duende che rientra in scena come protagonista assoluto, ma nell’epoca digitale, nel tempo dei social e dell’iperconnessione. È un esperienza collettiva e reale dove il pubblico sarà coinvolto, si meraviglierà, si stupirà e avrà la sensazione di partecipare a qualcosa di veramente nuovo e autentico. Se tutti siamo connessi allora creiamo un format di spettacolo in cui la connessione è la chiave di tutto. Il pubblico gioca un ruolo fondamentale, non solo in quanto committente dell’opera, ma in quanto parte stessa dello spettacolo. Il pubblico dei miei concerti guarda lo spettacolo e guarda allo stesso tempo se stesso. Questa è la novità. Portiamola all’estremo, facciamoli impazzire tutti”.

Amici lettori, sulla spiaggia di Ladispoli preparatevi a vedere di tutto. Lorenzo Cherubini in console, Lorenzo con la band, Lorenzo con diversi ospiti nazionali e internazionali che arricchiscono ciascuna data prima e anche durante lo show. Lorenzo con una chitarra al chiaro di luna intorno ad un falò. E’ una megafesta sulla spiaggia con un Dj pazzesco e un hardware sonoro e visivo stupefacente. Lo spettacolo non è scritto, ma è live. Un nuovo format che cambierà giorno dopo giorno, un live, in tutti i sensi. Vivo, divertente, emozionante, innovativo, moderno, avvincente, tribale, ancestrale, giocoso, intenso. Le porte della spiaggia di Torre Flavia apriranno alle 14.00 e subito partiranno le attività nelle varie aree. Si potrà prendere il sole, cercare zone d’ombra, fare il bagno, farsi una doccia, giocare, bere e mangiare.

Visual, grafica, luci, oggetti scenografici, colpi di scena, uso dello spazio, ma anche vita da spiaggia con attività di ogni tipo, con bagni, area bambini, giochi, bancarelle, area relax, area food and beverage, area matrimoni, in un format che è la creazione di un racconto totale che coinvolge la gente dall’inizio, dalla nascita del progetto, perché si trasformi in un’unica e vera esperienza immersiva, emozionante e vivificante. E soprattutto divertente.

A Ladispoli nelle prossime settimane si limeranno tutti i dettagli organizzativi, per evitare la congestione del traffico in piena estate saranno allestite navette, punti di incontro ed app per guidare tutti verso quello che rappresenterà il più grande evento mediatico nella storia della città. Eh sì, il passato degli stornelli grevi da borgata, degli artisti che insultavano Ladispoli e del basso profilo culturale, forse è alle spalle.