Rinascere con il Rosmarino

0
1934

Rinascere con il Rosmarino. La pianta che stimola memoria, digestione e sessualità

Monique Bert – Naturopata

Il rosmarino fa parte delle piante solari, quelle piante che possono soccorrerci, riequilibrarci, portarci alla luce del Sole. “Lo spirito del cuore e il corpo intero si rallegrano con questa bevanda, che scaccia ogni sconforto e preoccupazione” scriveva Wilhelm Ryff, erborista rinascimentale di Strasburgo.

Il rosmarino restituisce la luce e la voglia di vivere alla psiche – spiega la naturopata Monica Bertoletti, (www.food4care.it ), alias Monique Bert, nel gruppo Medicina Evolutiva, Naturopatia e Dentosofia e coautrice Tiroide Approccio Evolutivo, gruppo fb creato dal dr Andrea Luchi – È la pianta della gioia di vivere: il suo essere sempreverde ci ricorda che in noi esistono energie sempre disponibili e creative che possono farci superare ogni ostacolo e ci regalano uno stato “di rinascita” interiore dopo i periodi bui e tristi. è anche un afrodisiaco considerato l’arbusto della fedeltà, non certo la pianta degli incontri occasionali. La virtù antidepressiva, come anche nel caso dell’iperico, è data dalla sua capacità di depurare il fegato: un fegato pulito ci regala azione e felicità. Scaccia sonnolenza e malessere, solleva lo spirito, migliora la memoria e la concentrazione. Inoltre fa particolarmente bene abbinato ai grassi, perché facilita la digestione a livello epatico ed evita l’ossidazione dei grassi in cottura. Una tazza fumante di rosmarino è un modo meraviglioso di iniziare la giornata. Stimola la circolazione e attiva l’energia dalla cima della testa alla punta dei piedi. Vince la sonnolenza mattutina e tuttavia ha anche degli effetti calmanti che ci proteggono dagli stress della giornata, dalla tensione e dall’ansia, dalla stanchezza e dalla depressione. è una medicina per i nervi grazie al calcio che contiene, è anche il rimedio delle cefalee e dell’emicrania: stimola la circolazione del sangue a livello della testa, rilassa i muscoli pellicciai e cervicali tesi, e, spesso, risolve i mal di testa di natura epatica. è comunque un antibatterico e antivirale, nonché antimicotico. Aiuta nel mal di gola, raffreddore, influenza, febbre e tutte le infezioni respiratorie. Dà sollievo alla tosse costrittiva, all’affanno e all’asma. è diuretico ed elimina le tossine in eccesso. Riduce un flusso mestruale troppo intenso, è astringente ed emostatico, tonifica la muscolatura di stomaco e utero. Come rilassante muscolare attenua i dolori mestruali, la flatulenza e gli spasmi delle coliche”.

COME USARLO?

1 – INFUSO DI ROSMARINO: 1 rametto di rosmarino fresco o 1 cucchiaio di aghi secchi in 250 ml di acqua bollente. Infuso 10/15’

2 – OLIO ESSENZIALE DI ROSMARINO (consiglio il Verbenone). “Quest’olio essenziale stimola la corteccia surrenale in caso di astenia, ipotensione, debolezza e stanchezza, anche mentale – spiega Monica Bertoletti – È un eccellente tonico nervino che attiva la memoria, calma i nervi e stimola il cuore. L’olio essenziale di rosmarino ha un’ottima azione sul fegato, stimola il drenaggio biliare e la digestione, smuove scorie e ristagni dall’organismo. È drenante, anticellulite e stimolante dell’azione lipolitica (scioglie i grassi). Il massaggio con olio essenziale di rosmarino attenua i dolori artritici e muscolari, scioglie l’acido urico e i cristalli che induriscono i tessuti epidermici.

L’olio essenziale di rosmarino è tonico del cuoio capelluto: rinforza i capelli e ne stimola la ricrescita in caso di caduta. Ha anche un’azione antisettica e antibatterica che lo rende utile nel trattamento delle affezioni delle vie respiratorie.

Pigrizia mattutina, per rafforzare la fiducia in se stessi e l’autostima: 3-4 gocce di olio essenziale di rosmarino in una dose di sapone liquido neutro per la doccia. La sera con la lavanda, riequilibra e calma il sistema nervoso.

– Coliche alle vie biliari, problemi di fegato, insufficienza epatica, per migliorare la digestione: miscelare 2 gocce di olio essenziale di rosmarino a un cucchiaio di olio di mandorle dolci e usare la miscela per massaggiare la zona epatica.

Reumatismi: miscelare 7 gocce di olio essenziale di rosmarino e 3 di ginepro a un cucchiaio di olio di mandorle dolci e usare la miscela per massaggiare la zona interessata.

Vene varicose: preparare un olio per massaggio con 50 ml di olio di Calophylla Inophylla: 7 gocce di olio di rosmarino, 7 gocce di olio di ginepro 7 gocce di olio di limone. Massaggiare più volte al dì.

Affezioni respiratorie: massaggiare torace e schiena con 5/7 gocce diluite in olio vegetale o fare un bagno con 15/20 gocce diluite in sapone neutro.

POTERI SOTTILI: 10 gocce nel diffusore o nel brucia essenze al bisogno aiutano a esprimere energia e vitalità in modo positivo, costruttivo, sciogliendo le emozioni negative, aiutando a rimanere calmi, padroneggiando le emozioni. Calma il vulcano interiore, il fuoco dentro!”.