Privatizzato il contingentamento degli ingressi alla spiaggia libera di Campo di Mare

0
6687
privatizzazione

Affidamento diretto e nessun bando. Pensare ad una cooperativa sociale sarebbe stato troppo di sinistra per un sindaco di sinistra?

Di Toni Moretti

E’ difficile e allo stesso tempo molto semplice, sentirsi un leone da tastiera e commentare dei fatti che insinuano dei dubbi e dei sospetti propri di una mentalità forse troppo italiana abituata a confrontarsi ad ogni livello con il “faccendarismo” di palazzo. Tocchiamo ogni giorno con mano, attraverso gli scampoli di vita quotidiana che viviamo, che la perdita di personaggi politici che in qualche modo hanno tracciato le tensioni e le vicende sopratutto nella fase di una ricostruzione dovuta allo scempio provocato dalle vicende del secolo scorso, hanno passato la mano ad uno sdoganamento di bassezze morali da parte di certa destra e una contaminazione in termini di conflitti di interessi per una certa sinistra. Questa situazione, vive Cerveteri con il suo sindaco. Da subito dimostratosi ottimo imprenditore politico, il confine costante con il conflitto di interessi ha  caratterizzato la sua opera durante il primo ed il secondo mandato. Ogni volta che questo si accentuava, scendeva in campo la sua grande abilità mistificatoria e la traduceva in un esigenza per il cittadino. E’ inutile rielencare quali operazioni hanno portato vantaggio alla società Ostilia, tra tasse mai chieste e lavori in danno mai reclamati. Una risposta si potrebbe trovare al Testaccio a Roma, ma è troppo complicato. Sta di fatto che l’emergenza provocata dal virus, ha permesso di privatizzare il servizio di contingentazione degli ingressi alle spiagge libere di Campo di Mare attraverso un affidamento diretto ad una organizzazione che già percepisce un lauto compenso per la sicurezza, senza l’ombra di un bando. Pensare di ricorrere ad una cooperativa sociale no? Troppo di sinistra per un sindaco di sinistra? E se dovesse succedere che prima del turno delle amministrative, cambino la norma, come si vocifera, di prorogare di un altro turno la possibilità di elezione del sindaco? Che ridere, è proprio il caso di dirlo.