FANTASY: CHI PRENDERA’ IL POSTO DE “IL TRONO DI SPADE”?

0
165

 

A colmare il grande vuoto lasciato da “Game of Thrones”, in arrivo altre serie cult.

di Antonella Scaramuzzino

Poco meno di un decennio e milioni di appassionati hanno reso immortale Game of Thrones, la serie tv conclusasi una manciata di mesi fa. Se la lettura di un buon libro, quando giunge alla parola “fine”, provoca una sensazione di vuoto, allo stesso modo l’epilogo della  saga del Trono di Spade ha lasciato una scia di orfani inconsolabili. A lenire il languore dei nostalgici penseranno le serie di prossima programmazione, che tenteranno di sostituire il cult nel cuore deli spettatori. Impresa non da poco, se pensiamo che il genere fantastico fino a poco tempo fa solleticava appena la curiosità di una nicchia di appassionati, gli stessi fan dei giochi di ruolo e delle rarità a tema. Tra i tanti emuli di rilievo del panorama fantasy, abbiamo scelto tre grandi produzioni, il cui unico neo e la distribuzione su canali e piattaforme a pagamento:

The Witcher – L‘esordio è atteso il 20 dicembre su Netflix. Il mutante e prestante nomade Geralt (Henry Cavill, l’ultimo Superman, N.d.R.) è un guerriero con abilità sovrumane, che uccide esseri soprannaturali su commissione. Nel corso delle sue scorribande, l’incontro con una principessa e una maga cambierà il suo destino nell’affrontare una temibile minaccia.

The Dark Tower -La Torre Nera- Debutto su Amazon atteso nei prossimi mesi. La saga di Stephen King torna all’attacco, dopo un tentativo di adattamento cinematografico poco felice, torna completamente rinnovata nell’interpretare gli 8 libri e i vari racconti partoriti dalla mente dell’illustre papà. Un western fantasy, con l’instancabile pistolero Roland in viaggio verso la torre nera.

His Dark Materials – A gennaio su SKy Atlantic- L’adolescente Lyra vive nel Regno Unto, dove tutti gl abitanti hanno un alter ego animale con il quale sono costretti a convivere, pena fatali esiti o nefaste conseguenze.  Philip Pullman è il premiato romanziere a cui si deve la paternità de “La bussola d’oro”, film con la Kidman di una dozzina d’anni fa.