Dio salvi la palude di Torre Flavia e Campo di Mare

0
249

Ormai ci siamo. Dopo mesi di dispetti, scippi, polemiche, retromarce, figuracce e tensioni, siamo arrivati al concerto di Jovanotti a Campo di Mare. Un evento che tutti speriamo sia una grande feste di musica e spettacolo, animata da quel grande artista che è Lorenzo Cherubini il cui Jova Tour è partito in modo eclatante con le 45 mila persone che gremivano la spiaggia di Lignano Sabbiadoro il giorno del primo concerto. Del resto, Jovanotti da anni muove decine di migliaia di persone ai suoi show, prevedibile immaginare una folla oceanica anche per Campo di Mare, sarebbero oltre 38 mila i biglietti venduti per l’evento di oggi, 16 luglio. Un mare di persone alle quali andranno aggiunte le migliaia di curiosi che stazioneranno sul lungomare e sulla spiaggia per ascoltare e ballare al suono delle più famose canzoni dell’artista romano. Numeri impressionanti che non possono non preoccupare alla luce della situazione logistica di Campo di Mare, frazione con poche uscite che sarà sottoposta ad una fortissima pressione prima e soprattutto dopo il concerto di Jovanotti. Da giorni il comune di Cerveteri sembra essere diventato l’ufficio stampa del Jova Tour, arrivano nelle redazioni comunicati a catena nei quali si annuncia che andrà tutto bene, che sarà una splendida festa della musica, che Campo di Mare e principalmente la vicinissima palude di torre Flavia usciranno indenni dall’evento. Palese come l’amministrazione comunale stia tentando di rassicurare soprattutto se stessa, forse chi ha voluto “scippare” l’evento a Ladispoli si sta rendendo conto di aver messo in moto una macchina talmente potente per una città come Cerveteri che non è mai andata oltre l’organizzazione della Sagra dell’Uva.

Almeno dal punto di vista della sicurezza non dovrebbero esserci problemi. La Questura di Roma ha emesso propria ordinanza concernente le disposizioni di pubblica sicurezza in vista del Jova Beach Party. Oltre al piano sicurezza messo a punto dalla Società Organizzatrice dell’evento, che prevede l’impiego di circa 400 operatori di sicurezza, e al piano sanitario che prevede la presenza di personale medico, infermieristico ed ambulanze, è stato predisposto un imponente servizio d’ordine di uomini specializzati e mezzi. A partire dalle ore 13.00, con cento agenti del Reparto Mobile di Polizia di Stato, presidierà cinque punti del Lungomare dei Navigatori Etruschi: blocchi previsti all’incrocio tra Viale Mediterraneo e Viale Adriatico, all’altezza di Viale Mediterraneo, all’altezza dell’Area Sicurezza Varchi, altezza Palco e al Cavalcaferrovia. Diverse le unità della Polizia di Stato impegnate nel piano sicurezza nel giorno del Concerto: dalle ore 12.00, una squadra di Cinofili Antisabotaggio e un team di Artificieri con rilevatori elettronici di esplosivo. Dalle 12.30, 26 agenti di Polizia di Stato in divisa e 5 carabinieri perlustreranno le aree di Campo di Mare. Dalle 18.00 prosegue il lavoro delle Squadre Antisabotaggio e degli Artificieri. A loro si uniscono due squadre delle cinofile per l’Ordine Pubblico. Abbiamo dunque massima fiducia nelle forze dell’ordine,

Ribadiamo che tutti ci auguriamo che sia solo una notte di festeggiamenti ed allegria, Jovanotti è un nome consolidato per successo e divertimento,la speranza è che gli organizzatori siano veramente all’altezza di un big come Lorenzo Cherubini. Se tutto andrà bene come si spera, saremo i primi a congratularci con gli organizzatori. In attesa, ci facciamo il segno della croce e speriamo vivamente che Dio salvi torre Flavia.