“Un noto imprenditore toscano pronto ad acquisire il pacchetto di maggioranza del Viareggio Calcio 2014″

0
423

 

“Il Viareggio Calcio è una delle più antiche società della Toscana, ha quasi un secolo di storia, è il momento di riportare questo prestigioso club nel panorama del professionismo. Sulla scia di questo obiettivo, che la Sport Man insegue da tempo, annunciamo di aver inviato la proposta ufficiale di acquisizione del pacchetto di maggioranza del Viareggio 2014 per conto di un noto imprenditore toscano”.

Nel pieno del calcio mercato, è rimbalzata la notizia dal manager Alessio Sundas, agente Fifa e responsabile della Sport Man, che ha reso noto di aver chiesto un incontro ai vertici della prestigiosa società bianconera per vagliare l’ipotesi di acquisto del club.

“Il Viareggio Calcio – prosegue Sundas – è una delle più antiche società italiane, il prossimo anno celebrerà 100 anni di storia, siamo intenzionati a lavorare sodo per riportarlo nel mondo del calcio professionistico. La nostra richiesta di incontro ai dirigenti toscani nasce dalla volontà di un noto imprenditore del territorio di investire capitali freschi  sia per rinforzare la squadra per un immediato ritorno in Serie C, sia per creare un forte settore giovanile in cui coltivare i campioni di domani. Il Viareggio si trova in un’ottima posizione di classifica, con il nostro intervento e l’arrivo di giocatori di valore come come l’ex Fiorentina, Fabio Maistro, l’attaccante Fandje Tourè, Tahir Nasiru Maigini difensore centrale nigeriano ed il terzino Ibrahima, la punta Paolo Cilenti, l’attaccante esterno Luca Franzino, Endri Leshi, Vaccaro, Dolci, Cangiano, Gabrieli, Caronte, Fillanti, Catania, Gianolla e Tessadri si potrebbe centrare l’obiettivo immediatamente. La Sport Man ha anche la possibilità di convogliare sul club importanti sponsor di livello nazionale. Abbiamo un progetto serio che vorremmo illustrare agli attuali proprietari del Viareggio 2014, si possono individuare molte forme di proficua collaborazione.  Attendiamo con fiducia un segnale dai dirigenti bianconeri. Speriamo di non subire lo stesso indegno trattamento ricevuto dai dirigenti della Lucchese”.