Trevignano: duplice omicidio aggravato. In cella Andrea Bocchini

0
1613

Stretto riserbo da parte degli inquirenti sulla dinamica e il movente del duplice omicidio di ieri a Trevignano Romano per il quale è stato arrestato il 34enne Andrea Bocchini. L’uomo attorno all’una, per questioni ancora in fase di accertamento, avrebbe colpito la madre di 65 anni Graziella Marzioli, ferendola a morte con in pugno un pezzo di mobilio. Fuggendo di casa l’uomo si sarebbe imbattuto sul pianerottolo della palazzina del complesso residenziale Vigna Rosa con la vicina di casa Emanuela Senese di 76 anni, richiamata dalle grida, e impugnando ancora una volta del mobilio l’ha colpita causandone la morte. Sceso in strada, l’uomo avrebbe fermato, a quanto si è appreso, una donna che era alla guida di un auto, una Toyota Aygo. Intimandole di scendere Bocchini è salito sulla vettura e nella fuga in direzione di Bracciano ha travolto un ciclista e poi si è scontrato con numerosi altri veicoli finché l’auto è finita fuori uso poco dopo Vicarello. Quindi nella sua disperata fuga dai carabinieri che lo inseguivano si è spogliato e si è gettato nel lago poco distante ma è stato raggiunto e immobilizzato. All’ospedale di Bracciano dove è stato condotto l’uomo ha subito dei trattamenti volti a placare lo stato di alterazione. I corpi delle due donne uccise verranno in questi giorni sottoposti ad autopsia come da prassi. Sul luogo sono stati effettuati rilevi scientifici da parte del Reparto Investigazioni Scientifiche. Il 34enne (nella foto tratta dal suo profilo Facebook) è stato tratto in carcere e resta a disposizione dei magistrati del Tribunale di Civitavecchia. Dovrà rispondere di duplice omicidio aggravato.