“Da soli non si è cattivi” al teatro Vascello

0
1228

 

Forse è questo l’amore?

Questo mio amarmi attraverso gli altri?

Solo attraverso gli altri?

Questo mio bisogno degli altri per amarmi?

Tiziana Tomasulo

 

Tre storie, tre squarci tratti dalle drammaturgie e dai racconti di Tiziana Tomasulo.

 

L’AMANTE ci racconta la spensierata vita di Barbara e Riccardo, una coppia. I nostri protagonisti stanno insieme da sedici anni e, come spesso accade alle coppie che convivono da tanti anni, fanno le stesse cose, hanno gli stessi gusti, le stesse movenze, gli stessi pensieri, gli stessi desideri, gli stessi tratti fisici…

Questa coppia che dunque è molto felice, vive la relazione unicamente come occasione per dimostrare all’altro di poter essere il migliore tra i due.  La competizione e la voglia di primeggiare sull’altro li porteranno ad innamorarsi dello stesso uomo, Nancy, e ad essere pronti a tutto pur di conquistare l’amore del povero malcapitato.

 

Nella TELEFONATA la protagonista è una donna innamorata di un’altra donna che purtroppo si fa una semplice domanda: «la chiamo o non la chiamo?». Questa semplice domanda la porta a perdersi non solo nei meandri della sua mente ma anche nell’immobilità del proprio divano.

 

Nel BAGNO vediamo invece un uomo che stura un cesso ed una donna che lo osserva, seduta su un bidet. Questi due esseri umani sono i resti/carcasse di una favola felice, sono ciò che resta del tempo che fu. L’uomo stura il cesso come se cercasse di sturare qualcos’altro, di stappare qualcosa che ha a che vedere con gli inceppi e le cadute di una relazione, di una storia d’amore, della fine di una storia d’amore; un qualcos’altro che ha a che vedere con quel momento in cui tutte le parole che si dicono ”partono dal vuoto e vanno verso il vuoto”. Unica salvezza? Forse lasciare che il cesso ci risucchi.

 

I personaggi di “Da soli non si è cattivi” sono dei poveretti incapaci di amare. Vorrebbero farlo, hanno bisogno di farlo ma, al tempo stesso, hanno paura dell’incontro con l’altro perché si vergognano profondamente di quello che sono. Non si sentono all’altezza e per questo sono rigonfi di rabbia e condannati alla solitudine.

 

I testi di Tiziana Tomasulo attraverso un’ironia raggelante ci imprigionano all’interno di un mondo claustrofobico fatto di ossessioni, manie di grandezza e desideri di vendetta. L’altro è visto come la possibilità di avere una conferma su quello che siamo ma anche, e soprattutto, un’occasione per scoprire che non siamo quello che immaginiamo di essere.

Fabiana Iacozzilli

TEATRO VASCELLO

via Giacinto Carini, 78 – 00152 Roma

Tel. 06.5881021/06.5898031