SANZIONI NATO E IL PROSSIMO DISASTRO GLOBALE DEL CARBURANTE DIESEL

0
493

“BENVENUTI NELL’AGENDA EUGENETICA DI DAVOS GREAT RESET”

F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, è laureato in politica all’Università di Princeton ed è un autore di best seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Riportiamo un estratto del suo articolo “NATO Sanctions and Coming Global Diesel Fuel Disaster” Nel mezzo della crisi inflazionistica globale in corso, i capi di stato e i media mainstream della NATO ripetono un mantra secondo cui i prezzi elevati dell’energia sono il risultato diretto delle azioni di Putin in Ucraina dalla fine di febbraio. La realtà è che sono le sanzioni occidentali ad essere responsabili. Tali sanzioni [..] non hanno quasi alcun impatto sulle azioni militari in Ucraina. Ciò che molti trascurano è il fatto che stanno avendo un impatto sempre maggiore sulle economie occidentali, in particolare l’UE e gli Stati Uniti. [..] Ma i pianificatori di sanzioni occidentali presso il Tesoro degli Stati Uniti e l’UE sanno perfettamente cosa stanno facendo. E fa male all’economia mondiale. [..]
Il direttore generale di Fuels Europe, parte della European Petroleum Refiners Association, ha affermato di recente: “… c’è un chiaro legame tra diesel e PIL, perché quasi tutto ciò che entra ed esce da una fabbrica viene alimentato a diesel”. Alla fine della prima settimana dell’azione militare russa in Ucraina, senza sanzioni ancora specifiche per le esportazioni russe di carburante diesel, il prezzo del diesel europeo era già al massimo degli ultimi trent’anni. Non aveva niente a che fare con la guerra.
Ha avuto a che fare con i draconiani blocchi covid globali dal marzo 2020 e il simultaneo disinvestimento da parte di Wall Street e delle società finanziarie globali nelle compagnie petrolifere e del gas, la cosiddetta Green Agenda o ESG. Quasi il primo giorno delle azioni delle truppe russe in Ucraina, due delle più grandi compagnie petrolifere del mondo, BP e Shell, entrambe britanniche, hanno interrotto le consegne di carburante diesel alla Germania, sostenendo il timore di una carenza di approvvigionamento. La Russia ha fornito dal 60 al 70% circa di tutto il diesel dell’UE prima della guerra in Ucraina .

Nel 2020 la Russia è stata il secondo esportatore mondiale di carburante diesel dietro gli Stati Uniti, con una spedizione di oltre 1 milione di barili al giorno. La maggior parte, circa il 70%, è andata all’UE e alla Turchia. La Francia è stato il principale importatore, seguito da Germania e Regno Unito. In Francia circa il 76% di tutti i veicoli stradali (auto, camion) utilizza il diesel. La domanda di diesel nell’UE è molto più alta che negli Stati Uniti poiché la maggior parte delle auto utilizza anche il carburante diesel più economico ed efficiente.

Nella prima settimana di aprile la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha annunciato con orgoglio nuove sanzioni contro l’energia russa che inizieranno con il divieto del carbone. L’UE è il più grande importatore di carbone russo. Petrolio e gas, ha detto, sarebbero seguiti in un secondo momento. Quella mossa sciocca non farà che aumentare i costi dell’energia, già a livelli record, per la maggior parte dell’UE, poiché costringerà i prezzi del petrolio e del gas molto più alti.

All’inizio della crisi ucraina le scorte globali di carburante diesel erano già le più basse dal 2008 poiché i blocchi covid avevano danneggiato gravemente la situazione della domanda e dell’offerta di produzione di petrolio e gas. Ora il terreno è pronto per una crisi senza precedenti del diesel. Le conseguenze saranno sbalorditive per l’economia mondiale. Diesel sposta il commercio mondiale I motori diesel hanno la più alta efficienza del motore dei motori convenzionali. Si basano sul principio della compressione sviluppato nel 1897 da Rudolf Diesel.

A causa della loro maggiore efficienza e della maggiore percorrenza per gallone, il diesel alimenta quasi tutti i motori dei camion merci. Alimenta la maggior parte delle attrezzature agricole, dai trattori alle macchine da raccolta. È ampiamente utilizzato nell’UE, quasi il 50% per il carburante per auto poiché è molto più efficiente in termini di consumo di carburante rispetto ai motori a benzina. [..] Una carenza globale di carburante diesel, temporanea o a lungo termine, è quindi un evento catastrofico. Le merci non possono essere spostate dai porti container alle destinazioni interne. Senza carburante diesel i camion non possono consegnare cibo al supermercato, o qualsiasi altra cosa del genere. L’intera filiera è congelata [..].

Razionamento? All’inizio di quest’anno le scorte mondiali di diesel erano già pericolosamente basse e ciò ha fatto salire i prezzi alle stelle.[..] Tra gennaio 2021 e gennaio 2022 i prezzi del carburante diesel nell’UE erano quasi raddoppiati, e questo prima delle sanzioni ucraine. C’erano diverse ragioni, ma la principale era l’impennata del prezzo del petrolio greggio e le interruzioni dell’offerta a causa del blocco globale del covid e della successiva ripresa dei flussi commerciali mondiali. Per aumentare il problema, all’inizio di marzo il governo centrale cinese ha imposto il divieto di esportazione di carburante diesel, per “garantire la sicurezza energetica” tra le sanzioni occidentali alla Russia. A ciò si aggiunge il recente divieto dell’amministrazione Biden sulle importazioni di tutto il petrolio e il gas russi, che nel 2021 includeva circa il 20% di tutte le esportazioni russe di petrolio pesante.

Allo stesso tempo, l’UE, nella sua saggezza sempre ideologica, sta finalizzando un divieto alle importazioni di carbone russo a cui seguiranno, secondo quanto riferito, divieti sul petrolio greggio russo, sul carburante diesel e sul gas. [..] Il 27 marzo l’amministratore delegato della Vitol, con sede a Rotterdam, la più grande società di commercio di energia indipendente al mondo, ha avvertito che il razionamento del carburante diesel nei prossimi mesi a livello globale è sempre più probabile. Ha osservato: “L’Europa importa circa la metà del suo diesel dalla Russia e circa la metà del suo diesel dal Medio Oriente. Quella carenza sistemica di diesel c’è ”.

Il 7 aprile, David McWilliams, uno dei principali economisti irlandesi in precedenza presso la banca nazionale irlandese, ha emesso una nota allarmante. “Non solo il petrolio sta salendo, il diesel sta aumentando e c’è una reale minaccia che il diesel si esaurirà nell’Europa occidentale nel corso delle prossime due o tre settimane, o forse prima…[..]”. Ha aggiunto: “Non abbiamo solo una crisi petrolifera, abbiamo una crisi energetica che non vedevamo da 50 anni”. [..] La situazione negli USA non è migliore [..] Ciò che significherà la crisi globale del carburante diesel in corso, salvo un’importante inversione di tendenza, è un impatto drammatico su tutte le forme di trasporto su camion e auto, agricoltura, estrazione mineraria e simili.[..] La vera economia globale interconnessa industriale non è come un gioco di giocattoli lego.

È altamente complesso e finemente sintonizzato. Quella sintonizzazione fine viene sistematicamente distrutta e tutte le prove sono che è deliberata. Benvenuti nell’agenda eugenetica di Davos Great Reset.