Santa Marinella: il sindaco vuole bloccare il 5G?

0
729
petizione

Il discorso 5G è sempre più sentito in città. Questo grazie all’attività di continua informazione, divulgazione e aggiornamenti che il Gruppo locale svolge oramai da otto mesi.

“Un’informazione corretta, equilibrata e puntuale che ha sempre evitato eccessivi allarmismi ma ha fornito solo notizie suffragate dalla continua verifica che facciamo delle fonti. Questa è una cosa a cui teniamo molto in quanto facciamo parte dell’unica realtà consolidata che è l’Alleanza Italiana Stop 5G, quella che ha già ottenuto 500 e passa ordinanze da parte di Sindaci e Consigli comunali in Italia con un trend in rapida crescita che, sensibili alla salute dei propri cittadini ed in assenza di studi indipendenti che ne attestino scientificamente l’innocuità, hanno bloccato qualsiasi tipo di installazione 5G, invocando la Legge sul Principio di Precauzione.

Nel contempo l’atteggiamento dell’amministrazione comunale qui a Santa Marinella ci pone inquietanti interrogativi in quanto a parole ha sempre detto di essere contraria al 5G ma che sollecitata più volte a prendere una decisione formale e scritta, non ha risposto all’interrogazione del consigliere Fiorucci in merito e che continua, attraverso le esternazioni su Facebook del consigliere di maggioranza D’Emilio a schernire e provocare tutte quelle persone che legittimamente sollevano dei dubbi e fanno domande, dandogli del “complottista”, termine stra-abusato e a fornire dati tecnici come un “copia e incolla” dell’informazione prettamente tecnica e non medica, delle aziende TLC. La domanda a questo punto è inevitabile: per quale motivo il Comune resta in questa poco chiara posizione? E’ il momento di prendere una posizione ufficiale e dire se vuole bloccare il 5G come hanno fatto già tanti sindaci oppure continuare con questo atteggiamento che equivale ad un “si al 5G” perché, in assenza di un’Ordinanza contingibile e urgente di moratoria, qualsiasi incaricato di una compagnia telefonica può richiedere questo tipo di installazioni e l’ufficio comunale, non avendo ordini contrari, rilascerebbe tale autorizzazione pena incorrere in forti sanzioni.

Perciò noi andiamo avanti e chiunque ha modo di verificare quanto da noi asserito andando sulla pagina FB
www.facebook.com/santamarinella5g

La riprova che sono tante le persone che hanno forti perplessità o sono contrarie, è che due settimane fa abbiamo lanciato una petizione online su Change.org e che ha già avuto più di 300 firme! Quindi invitiamo tutti i Cittadini che hanno dubbi o sono contrari all’installazione di apparecchiature 5G sul territorio di S. Marinella e S. Severa a visionare tale petizione, firmarla e farla firmare; questo è il link per aderire a questa petizione: https://www.change.org/stop5gsantamarinella

Per quanto riguarda la raccolta firme cartacea, domenica 14 giugno, dalle ore 9,30 fino alle 13, saremo presenti sotto i portici su Via Aurelia, 305 (accanto al Bar Oro Nero) con un nostro tavolo informativo dove, chi ha avuto difficoltà con la petizione online, potrà firmare l’appello al Sindaco. Un’occasione per conoscerci e scambiare idee e informazioni con i nostri attivisti.

Prendere atto che non esistono studi scientifico-medici che provino l’innocuità per la nostra salute, quella dei nostri figli e per le altre forme viventi, e visto che loro stessi chiamano tale politica con il termine “sperimentazione” significa che siamo costretti a fare da “cavie umane” e questo è umanamente inaccettabile!”

Comitato “Stop 5G Santa Marinella”

Il coordinatore Sandro D’Alessandro