RIFIUTI DI ROMA, FIUMICINO SOTTO ATTACCO

0
147
rifiuti fiumicino

RETE ART.136 Ambiente e Paesaggio: “Il 14 luglio sono state nuovamente individuate le zone considerate idonee alla localizzazione degli impianti di recupero e di smaltimento dei rifiuti urbani”.

Dette zone si trovano tutte al nord del Comune, in parte nei pressi di Pizzo del Prete ed altre lungo Via di Castel Campanile e nelle vicinanze di Torrimpietra ed Aranova, in aree protette dal PTPR. Anche il Comune di Cerveteri è interessato a detto provvedimento.

Praticamente si trovano in pieno agro romano facente parte del Biodistretto Etrusco Romano.

La Città Metropolitana quindi per risolvere i problemi dei rifiuti urbani di Roma, pensa bene di scaricare questa problematica sui territori dei Comuni limitrofi, vedi anche l’assurda riapertura della discarica di Albano; anni fa la chiusura di questa discarica era uno dei maggiori obiettivi del M5S, oggi si vuole riaprirla, in un triste balletto di responsabilità con la Regione Lazio che utilizza il tema rifiuti esclusivamente in funzione Anti-Raggi.

Ogni angolo del territorio di Fiumicino è oggetto di attacchi speculativi (aeroporto, centro direzionale-business city, porto turistico, porto commerciale, complesso di autodemolizione, parco del fotovoltaico, ecc), infrastrutture speculative che vanno a beneficio dei soliti noti ma a discapito dell’intera comunità e economia della locale basata prevalentemente sul turismo balneare e l’agricoltura.

Con decisione dobbiamo respingere la volontà politica di incentivare l’economia locale a forza di colate di cemento a detrimento delle ricchezze ambientali, naturalistiche e storico archeologiche presenti nelle diverse località. E’ ora di cambiare e mettersi in linea con le direttive ambientali sia nazionali che europee. Facciamo appello a tutte le realtà associative, alle forze politiche e gruppi consiliari a intraprendere iniziative di lotta per respingere con forza le decisioni della Città Metropolitana di realizzare le opere per la lavorazione dei rifiuti urbani e contestualmente bloccare ogni intento di realizzare nel territorio del Comune di Fiumicino infrastrutture speculative e dannose.

Chiediamo alla Soprintendenza di concludere quanto prima le procedure per la dichiarazione di notevole interesse pubblico delle aree a nord del Comune di Fiumicino e Cerveteri così come richiesto da oltre 30 Associazioni, Proloco, Comitati del comprensorio e dalle firme di oltre 3.500 cittadini.
RETE ART.136 Ambiente e Paesaggio