Pioggia di denunce a Bracciano per abusi sul lungolago

0
128
foto di repertorio

Proseguono i controlli dei Carabinieri di Bracciano sulla costa prospiciente il lungolago di Bracciano: nelle ultime ore i militari hanno denunciato a piede libero 17 persone responsabili, a vario titolo, di violazioni del Codice della Navigazione e del Testo Unico per l’Edilizia.

I Carabinieri della Stazione di Bracciano e della dipendente Motovedetta, a conclusione di numerosi sopralluoghi ed accertamenti tecnici, hanno individuato e denunciato alcuni titolari di locali e stabilimenti balneari ubicati in via Lungolago Argenti che, da tempo, avevano occupato aree demaniali sulla riva in assenza delle relative concessioni demaniali, modificando -in alcuni casi- anche l’assetto edilizio infrastrutturale senza aver ottenuto alcuna autorizzazione comunale.

Durante le verifiche eseguite con la collaborazione del personale specializzato della Regione Lazio è emerso, altresì, chele strutture commerciali non erano le sole a risultare totalmente o parzialmente abusive: sono state rilevate irregolarità analoghe sia per una costruzione sia per una porzione della passeggiata sul lungolago.

Tale attività si innesta in un servizio più vasto e complesso che nel tempo ha consentito di denunciare 21 dei titolari di stabilimenti balneari ubicati ad Anguillara Sabazia, responsabili di analoghi illeciti di cui sopra, nonché di altre 20 persone che captavano abusivamente acqua dal lago di Bracciano.