PEPE: “CONTE È UN CAMERIERE”

0
416
bartolomeo Pepe

DA UNA VIDEO INTERVISTA, LA TESTIMONIANZA DI BARTOLOMEO PEPE.

Bartolomeo Pepe, ex politico pentastellato, in un’intervista video, racconta i retroscena della politica italiana, accadimenti passati, indiscrezioni e possibili scenari. Una narrazione che rispecchia il pensiero del 30% (almeno) dell’opinione pubblica a cui in pochi danno voce.

Tu sei stato senatore per quale partito?
Movimento 5 stelle.
In quale periodo?
La scorsa legislatura, ho finito 3 anni fa.
Cosa ti è rimasto di questa esperienza?
Toccare con mano quella che è la realtà del deep state. Per chi non lo sa, il deep state è uno Stato parallelo che tiene le fila di tutto. Lo Stato Italiano è tutto un teatrino che si svolge sia alla Camera che al Senato, dove le decisioni vengono prese altrove, anche oltreoceano. Fanno a gara a chi comanda qui in Italia. Ultimamente anche i francesi.
Cosa pensi di Beppe Grillo?
Inizialmente abbiamo creduto in lui, però è evidente che, per cambiare totalmente indirizzo politico, non è mai stato un rivoluzionario ma un uomo di spettacolo. E con il buon Casaleggio hanno sfruttato quello che è stato il marketing politico utilizzando nuove piattaforme come i social. Attraverso le quali la CIA reperisce informazioni, seleziona il politico per introdurlo nel sistema.
Noi, da fuori, pensiamo che chi entra in politica possa fare un cambiamento poi non riesce a combinare niente perché sono solo accordi sottobanco, è veramente così?
Anche peggio! Nel senso che esistono i Servizi, con l’avvento della seconda e terza Repubblica, utilizzando escamotage come la cittadella del sesso, “Palazzo via Gradoli”, vi ricordate Marrazzo? Pedofilia, prostituzione, anche un po’ di satanismo e quando tu hai sotto ricatto la classe politica hai tutti i parlamentari.
Il Movimento 5 stelle è nato bene e poi è finito male, oppure era tutto prestabilito?
Era tutto preordinato, le avvisaglie ci sono state ma era difficile comprendere appieno. Con l’appoggio di alte sfere poi…
Tu sei uscito dalla politica o ti hanno sbattuto fuori?
Sono stato costretto ad uscire. Poi ho cercato di fare un movimento no-vax sapendo che i vaccini sarebbero stati l’arma del futuro. Mi è stato impedito di fare politica, ho capito che sono in molti, non solo Grillo e che non era cosa.
Andiamo sull’attualità, Conte è un cameriere?
Assolutamente sì, come tutti i parlamentari.
Anche Draghi?
Certo. Appena arrivati al Senato sembravano tutti più intelligenti di quello che realmente sono.
Si può sapere, o c’è proprio precluso, chi è il deep state, i nomi?
Un sistema di tipo gesuita, quello che ha deciso di far sostituire Ratzinger. Chiaro la piramide è grande, ai vertici troviamo le solite famiglie potenti.
Dunque la sostituzione di Ratzinger e l’arrivo di Bergoglio è stata un’azione preordinata in funzione di quello che c’è oggi?
Si, Ratzinger era meno aperto rispetto a Papa Bergoglio, oggi è in atto quasi uno scisma della Chiesa.
Esiste in generale nel mondo, ma in particolare qui in Italia, la destra, la sinistra e la democrazia, noi siamo in democrazia?
Evidentemente no, diciamo che l’ultima parvenza di democrazia l’abbiamo avuta proprio con il vecchio sistema politico battuto da Mani Pulite ma già là…Negli anni 60 abbiamo sfiorato anche un colpo di stato, poi c’è stata l’uccisione di Moro, avvenuta proprio perché la sinistra stava per prendere il Parlamento e i comunisti, che erano finanziati dal KGB, facevano paura. L’Italia doveva essere un Paese Nato, visto che abbiamo 160 basi. Spendiamo circa 100 milioni di euro al giorno per i militari. Quando dicono che non ci sono soldi per gli ospedali, sappiate che 100 milioni di euro ogni giorno vanno per le spese militari.
Visto che è tutto preordinato, tu cosa prevedi a breve e a lungo termine?
É in atto un grande reset con la scusa del Covid, credo che inizierà un effetto domino dal punto di vista economico. I primi effetti si stanno già vedendo, mi aspetto una crisi economica come quella del 1929, che è indotta e creerà le condizioni per andare verso un reddito universale, però per averlo bisognerà essere vaccinati e chippati. Credo che questo sia l’andamento. Non finirà qui, ci sarà una terza, quarta ondata che dovranno giustificare, cercheranno di vaccinare anche chi non lo ha fatto, il regime sanitario sarà sempre più stretto. Non a caso sono stati istituiti una sorta di campi di concentramento. Sono previsti rastrellamenti di massa, rivolte, la gente avrà fame. L’unica via d’uscita sarebbe una rivolta ma non credo che il popolo italiano sia in grado di farlo.
Perché per te la gente è bovina, cioè se l’è bevuta tutta?
C’è un bel post di Manfredi che parla delle tecniche della CIA, usate per tanti anni, che hanno plasmato le menti. “Tanti anni di televisione – come diceva Nanni Moretti – hanno lasciato il segno”. Oggi il livello culturale è bassissimo, gli intellettuali stanno sparendo, quelli che ci sono si sono allineati alla teoria gender, dell’accoglienza, stiamo importando nuovi schiavi, non li stiamo salvando. Questo fa sì che il deep state dopo potrà fare ciò che vuole, ci controllerà più facilmente.
Andare all’estero può essere una salvezza o non servirà a niente?
Non credo. Sto cercando informazioni sugli ecovillaggi dove chi resiste – i briganti – si può difendere. La crisi economica, il virus, gli incendi nelle foreste, accelerare con il 5G. É in atto uno sterminio di massa e la manipolazione dei superstiti attraverso il transumassimo e l’intelligenza artificiale. Dall’altro lato degli ebeti che attraverso la televisione credono ciecamente a ciò che dicono, senza nessun pensiero critico. Gli intellettuali non allineati vengono uccisi, guarda Pasolini. Quindi si va verso questo tipo di società.
Lo Stato fa il nostro bene?
Noi ci dobbiamo difendere dallo Stato.

L’intervista video integrale è disponibile sul canale social di Bartolomeo Pepe.