Pascucci ci riprova con i parcheggi a pagamento nel centro storico di Cerveteri

0
584

Non c’è niente di peggiore delle amministrazioni comunali che vanno contro la volontà popolare nonostante un vasto dissenso. 

L’esempio lampante di questo malcostume politico arriva da Cerveteri dove, nonostante proteste e perplessità, il comune continua a seguire la strada per l’istituzione dei parcheggi a pagamento nel centro storico. Ovvero, come L’Ortica ha più volte scritto, solo un inutile salasso per residenti e commercianti, un’idea strampalata che ammazzerà definitivamente un centro storico dove i negozi chiudono per mancanza di clienti. Ebbene, dopo un periodo di silenzio, dovuto probabilmente alla concomitanza delle elezioni regionali, l’amministrazione del sindaco Pascucci è tornata alla carica, emettendo un avviso pubblico per le ditte che fossero intenzionate a gestire i parcheggi a pagamento. La base d’asta, per un periodo di 19 mesi, è di 39.000 euro. Le ditte possono presentare le proposte entro il prossimo 11 maggio. Che dire?

Da tempo a Cerveteri si ha la sensazione che l’amministrazione in questo secondo mandato abbia perso il contatto con la realtà che interessa la gente, l’ostinazione con cui vogliono togliere i soldi dalle tasche di residenti e commercianti del centro storico sono la conferma di questo andazzo.

L’Ortica ovviamente contrasterà in ogni modo democratico questa vera e propria sciocchezza amministrativa che non serve a niente.