Parassitosi intestinali

0
624
Dottor Professor Aldo Ercoli
Dottor Professor
Aldo Ercoli

Platelminti o Nematelminti? Vermi piatti o vermi rotondi? Non sarа un argomento piacevole quello delle parassitosi intestinali ma non siamo seduti al ristorante o in sala giochi.  La Medicina, l’ars medica, и una palestra in cui, ogni giorno, ci si allena.

Altrimenti che visitiamo a fare? Un semplice esame parassitologico delle feci e un semplice emocromo sono le indagini piщ utili quando si sospetta una parassitosi dell’intestino. Aggiungerei solo uno scotch test per gli ossiuri. Nelle infestazioni sostenute da platelminti (vermi piatti) prevalgono le teniasi: Taenia saginata (da 3-12 metri), Taenia solium (2-8 metri), Hymenolepis nana (1-2 cm), Diphyllobothrium latum (10 metri). Quest’ultimo и un ospite di crostacei o pesci d’acqua dolce.  Diversi anni or sono trovai alcuni casi di Taenia solium, il verme solitario, detto anche tenia armata perchй ha il capo (lo scolice) fornito di una doppia corona di uncini.  Allo stato larvale di cisticerco si trova incistato nella carne di maiale e di cinghiale. Ora puт succedere che, mangiate poco cotte, queste carni liberino i cisticerchi che, nell’intestino diventano naturalmente delle tenie di 2-8 metri.

Ancora piщ lunga и la Taenia saginata, chiamata anche “non armata” perchй lo scolice и privo di uncini.  Allo stadio larvale si incista nei muscoli dei bovini (in Africa anche nelle giraffe) e vive da adulta nell’intestino umano. Anche in questo caso la colpa и della carne (bovina) poco cotta o persino mangiata cruda.

Quali sono le manifestazioni della teniasi? 

La sintomatologia, pur variando da soggetto a soggetto, и caratterizzata soprattutto da disturbi intestinali. Nausea con associate turbe dell’alvo, stipsi o diarrea, oppure alternanza dei due sintomi. Vi puт essere inappetenza o, all’opposto una sorprendente bulimia, polifagia, con dimagrimento. Da qui il famoso detto:

“Ma hai il verme solitario?”

Peculiari sono i fenomeni allergici talora accompagnati da disturbi epatici e nervosi causati dall’azione delle tossine secrete dai parassiti. Prevalgono come detto, i sintomi gastroenterici che possono persino simulare una appendicopatia.

Il  Diphyllobothrium latum puт invece essere responsabile di un’anemia perniciosa da carenza di Vit. B12. Passiamo ora ai vermi rotondi, ai nematodi.

L’ Ancylostoma duodenalis и quello piщ frequente da noi anche se, fortunatamente, con il miglioramento delle condizioni igieniche l’anchilostomiasi si и molto ridotta. La malattia era chiamata l’anemia dei minatori perchй il microclima caldo e umido della miniera costituisce un terreno particolarmente favorevole all’evoluzione delle larve che sono sul terreno. In Italia и piщ frequente al sud (specie in Calabria) in quanto colpisce gli agricoltori che non portano le scarpe. Le larve infatti, penetrano nell’’ospite per via cutanea, entrano nel circolo sanguigno e vanno a localizzarsi nell’intestino tenue. Qui si nutrono, come vampiri, di sangue e mucosa secernendo anche una tossina anemizzante. Oltre all’anemia ipocromica con carenza di ferro (sideropenia) il paziente accusa disturbi intestinali dolore alla “bocca dello stomaco” (epigastrico), diarrea>. Presente inoltre sideremia bassa, aumento dei globuli bianchi (leucocitosi) ed in particolare degli eosinofili (eosinofilia). Peculiare и la Sindrome di Loeffler che ha in comune con un altro verme rotondo, l’Ascaris Lumbricoides.

In che consiste la sindrome?

Tosse spasmodica con dispnea asmatiforme (reperto di sibili espiratori all’auscultazione dei polmoni), tosse con sangue (emottisi).

Tutto ciт и causato sia nell’anchilostomiasi che nell’ascaridiosi, dal passaggio di larve nel polmone. Soprattuttto nell’Ascaris lumbricoides l’rx del torace puт fotografare un “infiltrato fugace” e, l’emocromo, evidenziarci una leucocitosi con eosinofilia al 30%. Visto che ci siamo cerchiamo di capire come ci si contagia e cosa provoca questo verme cilindrico, biancastro, lungo una ventina di centimetri.

L’infestazione avviene con l’ingestione di verdure crude o acqua inquinata.  L’uovo deposto dalla femmina nell’intestino tenue, emesso con le feci, staziona per poco piщ di un mese nel terreno umido o in acqua e poi, sempre per via orale, parassita un altro individuo. Dall’uovo nasce una larva che prima di localizzarsi a livello intestinale, per completare la sua maturitа sessuale, va in giro per l’organismo migrando attraverso l’apparato circolatorio e respiratorio.

Qual и la sintomatologia? Oltre alla giа citata sindrome di Loeffler vi sono sintomi gastrointestinali alquanto variabili che possono perт giungere fino all’occlusione o all’appendicite da ascaridi. Nй mancano forme allergiche (orticaria, tosse asmatiforme etc…) e disturbi nervosi (dalla semplice irrequietezza fino alla piщ rara complicazione meningitica).

Posso chiudere l’argomento parlando degli ossiuri? Ossia dell’ossuriasi la parassitosi piщ frequente nei bambini?

Si calcola che piщ di un miliardo e mezzo di persone, in gran parte bambini, dia “vitto e alloggio” all’ossiuro. E’ questo un nematode (verme rotondo) la cui femmina depone, in un asola volta, migliaia di uova lisce e microscopiche, sul margine dell’ano dove provoca un forte prurito. L’uovo contiene un embrione che viene portato dall’ano alla bocca anche tramite giocattoli contaminati, Una volta ingerito il succo duodenale lo scioglie mettendo in libertа le larve. Queste nel tenue intestinale maturano fino a differenziarsi sessualmente: il maschio feconda la femmina e subito dopo muore. Stessa sorte capita alla compagna che, di notte, percorre tutto l’intestino liberando migliaia di uova. Missione compiuta. La Natura deve riprodursi se vuole sopravvivere, quando и sterili sparisce.

Quali sono i sintomi? Oltre al prurito anale serotino con conseguente grattamento ed auto infestazione, si possono avere dolori intestinali, diarrea, nausea e vomito. Anche qui non и rara l’appendicite, nй manca l’agitazione, il “pavor notturno” e, nelle bambine le vaginiti. E l’echinococco? Un’altra volta, spero.