Michelangelo Pistoletto e le 100 panchine per Roma

0
262

Bvlgari omaggia Michelangelo Pistoletto, due opere del maestro sono in mostra fino al 30 giugno nello storico negozio in via dei Condotti, a Roma. Il progetto 100 panchine per Roma.

“Dialogo tra antico e moderno e colore sono due tratti importanti che accomunano lo scultore al Brand – spiegano i promotori -. L’artista utilizza nelle sue opere figure che fanno da ponte tra passato e presente mentre Bvlgari reinterpreta forme classiche in chiave contemporanea dando vita a gioielli senza tempo”.

Le opere
“Lima – Vestizione nr. 1” è esposta in Domus, al primo piano della boutique, già galleria espositiva dei magnifici gioielli della Collezione Heritage. L’opera rappresenta uno scambio silenzioso di abiti colorati tra l’artista e una statua antica. Nella Promenade invece, si può ammirare “Ragazza con valigie e smartphone” in cui Pistoletto immortala una giovane viaggiatrice che assume una posa “classica” e al contempo quotidiana, interpretando l’attesa.

michelangelo pistoletto
Giada-Fedeli-per-100-panchine-per-Roma-768×768

L’iniziativa della maison è un omaggio all’arte, ma anche parte di un progetto di solidarietà, la presenza di due opere di Michelangelo Pistoletto, uno dei più noti artisti contemporanei italiani, si inserisce nel progetto Cento Panchine per Roma, che, tramite una raccolta fondi, vede la creazione di due installazioni artistiche temporanee del simbolo del Terzo Paradiso di Pistoletto che saranno esposte in due quartieri della capitale. Le cento panchine (di cui tre donate dal marchio di gioielli) realizzate in plastica riciclata saranno collocate in 100 luoghi della città. Lo scopo è quello di avviare un percorso di sensibilizzazione al bene pubblico, basato sui concetti di comunità, responsabilità, rispetto e sostenibilità.

L’iniziativa ‘100 panchine per Roma’ – racconta Michelangelo Pistoletto – prende vita dal Rebirth Forum di Roma. Una sedia può essere occupata da una sola persona, quindi una sedia non è democratica. Una panchina può contenere più persone perciò è democratica…”