L’Uefa apre procedimento contro il presidente della Roma

0
723

Non c’è pace per la Roma.

Dopo essere stata eliminata dal Liverpool nella semifinale di Champion’s League a causa soprattutto della disastrosa prestazione in Inghilterra, ora sulla società giallorossa è calata la mannaia dell’Uefa che ha aperto un procedimento contro il presidente Pallotta. Che, subito dopo Roma-Liverpool, per commentare alcune decisioni dell’arbitro Skomina, aveva detto: “Serve il Var, arbitrare così è ridicolo”. Il massimo organismo del calcio europeo ha aperto un procedimento. La commissione disciplinare deciderà sul suo caso il 31 maggio prossimo.

L’Uefa ha aperto un procedimento contro il presidente della Roma James Pallotta per i suoi commenti sulle decisioni dell’arbitro Skomina dopo la semifinale di ritorno di Champions League contro il Liverpool. L’accusa dell’Uefa è quella di “condotta impropria”. La commissione disciplinare dell’Uefa giudicherà il patron giallorosso il 31 maggio prossimo, dopo la finale tra il Liverpool e il Real Madrid. Pallotta aveva giudicato duramente alcuni episodi contro la sua squadra, tra i quali un rigore non concesso alla Roma per un fallo di mano del difensore del Liverpool Trent Alexander-Arnold nel secondo tempo del match. Il presidente giallorosso aveva sfidato l’Uefa a introdurre al più presto la Video Assistant Referees per gli episodi chiave: “Arbitrare così è ridicolo”, aveva detto. Il Liverpool ha conquistato la finale di Kiev (che si giocherà il 26 maggio prossimo) con una sconfitta per 4-2 al ritorno, dopo una vittoria per 5-2 ad Anfield nella gara di andata.

La replica di Pallotta: “Inappropriata è condotta Uefa”

“Sono sorpreso dall’apertura di questo procedimento disciplinare. Per me è la condotta Uefa a essere inappropriata”. A fine maggio oltre a Pallotta sarà valutata dalla Commissione disciplinare dell’Uefa anche la società giallorossa chiamata a rispondere di accensione di fumogeni (stessa accusa mossa anche al Liverpool), organizzazione insufficiente e scale bloccate. Il presidente della Roma James Pallotta ha commentato così all’Ansa le altre accuse: “Cosa ne penso? Sto morendo dalle risate. Autorità, Coni e Roma hanno garantito una professionalità che non ho mai visto in nessun evento sportivo. Non potremmo essere più orgogliosi dei nostri fan e della città”.

fonte Sky sport