“Ladispoli e la Sagra del carciofo non sono un obiettivo sensibile”

0
1278
Il comandante Sergio Blasi

La nostra copertina di ieri ha fatto effetto.

Era intenzione de L’Ortica aprire il dibattito sulle eccezionali misure di sicurezza che saranno attivate in occasione della imminente Sagra del carciofo di Ladispoli, anche alla luce delle tante mail e telefonate arrivate in redazione da parte dei cittadini. Perplessi per novità giubbotti anti proiettile alla polizia locale, barriere anti sfondamento, blindati ed altri provvedimenti tesi giustamente a garantire la sicurezza delle decine di migliaia di persone che saranno a Ladispoli dal 7 al 9 aprile.

Stamane, nel corso della trasmissione “Cambia il mondo”, in diretta su Centro mare radio, il comandante della polizia locale, Sergio Blasi, proprio rispondendo ad una domanda del nostro direttore Gianni Palmieri, ha rassicurato tutti i cittadini.

“Non abbiamo segnalazioni dai servizi segreti – ha detto Blasi – che Ladispoli e la Sagra del carciofo siano un obiettivo sensibile per terroristi e criminali. Naturalmente terremo gli occhi bene aperti, le misure di sicurezza saranno elevate al massimo per garantire la serenità di visitatori e residenti. Le misure adottate rispettano le indicazioni del ministero degli interni in occasione di eventi che attirano migliaia di persone”.

Era quello che i cittadini volevano sentirsi dire per vivere con gioia ed allegria la festa della Sagra del carciofo.