Ladispoli, altra rissa: scatta una raccolta di firme degli abitanti contro la movida selvaggia

0
4337

Esasperati per la movida selvaggia organizzano una raccolta firme per anticipare la chiusura dei locali chiedendo contestualmente maggiori controlli. I cittadini del lungomare di Ladispoli sono esausti. La goccia che ha fatto traboccare il vaso l’altra notte quando un giovane è stato pestato a sangue da un gruppo di coetanei, violenti che poi si sono dileguati facendo perdere le loro tracce. La persona ferita si trova ancora ricoverata in ospedale con alcune costole rotte e un polmone lesionato. La prognosi comunque non è stata ancora sciolta. Indagano i carabinieri della stazione di Ladispoli. La notte precedente gruppi di giovani, sempre in via del Mare, avevano devastato il portone di vetro di una palazzina e i citofoni solo perché richiamati da un anziano che non riusciva a prendere sonno. Nell’ultimo periodo Sos anche alla stazione ferroviaria per tre aggressioni in un mese, una delle quali ai danni di una capotreno presa a testate da uno squilibrato.