La Volley Ladispoli strapazza 3-0 l’Acqua e Sapone

0
837
Campionato Nazionale di Pallavolo – Serie B2 Femminile : La Massimi Eco Soluzioni Ladispoli supera l’Acqua & Sapore con un combattuto 3-0 e consolida il 4° posto in classifica (25-20; 25-23; 25-21).

La Massimi Eco Soluzioni Ladispoli ha affrontato il delicato confronto con l’Acqua & Sapone di Simonetta Avalle con molta attenzione e lo ha superato mettendo così a segno la sua 13° vittoria su 16 gare sin qui disputate. Le ospiti pur rappresentando una delle formazioni più giovani e talentuose del girone, non hanno saputo dare alla gara la necessaria continuità di prestazione e pur dimostrando a tratti tutto il proprio potenziale, non sono riuscite a condizionare più di tanto un Ladispoli incisivo e qualche volta troppo distratto. Chi ne ha sofferto è stato lo spettacolo che non è riuscito ad accendere l’entusiasmo delle rispettive tifoserie.
Parte bene il Ladispoli con G.Ceresi in palleggio, A.Grossi opposto, F.Gismondi e F.Macci centrali, L.Forastieri e V.Vidotto a banda, E.Esposito libero; a disposizione M.Piastra, M.Madonna, M.Sokic e G.Valente.  Il vantaggio iniziale, (5-2), però è solo un fuoco di paglia perché subito dopo le “pupe” di Simonetta si fanno più determinate e sembrano voler fare la loro bella gara arrivando a condurre (10-14). Subito dopo però ecco quello che non ti aspetti; una serie di errori avversari e la ritrovata attenzione delle padrone di casa portano il Ladispoli prima in vantaggio sul (20-15) e poi a chiudere il set sul (25-20). Il secondo set vede inizialmente il Ladispoli più incisivo ed il primo time out tecnico fissa il punteggio sul (8-2); le ospiti iniziano a forzare il servizio e recuperano anche grazie a qualche disattenzione delle padrone di casa (9-8). In questa fase del set, dove gli errori sembrano prevalere sulle azioni giocate con palla messa a terra, l’Acqua & Sapone arriva in vantaggio al secondo time out tecnico (14-16), ma nulla è compromesso per il Ladispoli, anzi, il gioco diventa finalmente più battagliato. Dal pari 19 si procede di pari passo, ma è la Massimi Eco Soluzione che riesce a prevalere e chiudere sul filo di lana (25-23). Stesso copione nel terzo set che il Ladispoli chiude con meno affanno (25-21). La gara questa volta non è stata intensa e ricca di emozioni come in altre occasioni, ma il tecnico Pietro Grechi è comunque soddisfatto sia per i risultato che consolida la quarta posizione in classifica che per la buona prestazione della giovane Francesca Macci schierata sin dall’inizio che delle altre subentrate nel corso della gara. 
La classifica vede in testa ancora il  Palau Capo D’ Orso con 50 punti, che perde però il suo primo punto a Trevi, segue Cave con 43 ed anche lei perde un punto nel confronto con Ostia, quindi Wind-Granfruttato Trevi a 39; salda in quarta posizione è la Massimi Ecosoluzioni Ladispoli con 38 punti. Quindi Evoluzione Ostia 29, Volleyrò a 27, Spes Mentana Monterotondo a 26, Acqua&Sapone a 22. Chiudono Proger Roma a 16, Volley Labico a 14, Marino a 14 punti, Mareblu Oristano e Frascati a 3 punti. Nel prossimo week end altro confronto delicato con la diretta inseguitrice : l’Evoluzione Ostia; l’appuntamento è per Domenica 19 Marzo, ore 17.45, al PalaAssobalneari (ex Regina  Pacis) di Ostia Lido. 
Nella foto le tre giovani promesse della Volley Ladispoli, in organico con il gruppo squadra della Serie B2 Femminile: da sx Gaia Valente (1998), Marta Sokic (2000) e Francesca Macci (1998), ragazze che insieme ad altre loro coetanee, stanno allenandosi da quest’anno con la massima serie, alla guida dei Tecnici Grechi, Simonetti e Varvaro. L’augurio e la speranza è che loro possano essere di esempio e stimolo per tante altre atlete del comprensorio, loro coetanee o addirittura più giovani, che volessero provare a cogliere questa significativa opportunità di crescita tecnica, perchè per la Volley Ladispoli, completata, come sembra, la stabilizzazione della serie nel Campionato Nazionale di B2, il secondo importante obiettivo potrebbe diventare quello di alimentare sempre più la propria rappresentativa maggiore con atlete provenienti dal proprio hinterland.