LA PREVENZIONE DEI TUMORI DELLA BOCCA

0
718
Dottor Nicola Vaiani
Medico Chirurgo Odontoiatra

La patologia neoplastica maligna del cavo orale è più frequente di quanto si ritiene, soprattutto nel sesso maschile, e la sua incidenza è andata significativamente aumentando negli ultimi decenni.

Oltre il 90% dei tumori della bocca origina dalle cellule epiteliali squamose. Complessivamente a livello mondiale il carcinoma squamocellulare del cavo orale rappresenta il 5% di tutti i tumori maligni negli uomini.

Esistono numerosi fattori di rischio per i tumori del cavo orale. Il fumo rappresenta di gran lunga il principale nei paesi occidentali. Il rischio di sviluppare una neoplasia maligna in soggetti che fumano meno di 15 sigarette al giorno è di 3-4 volte aumentato rispetto ai non fumatori, mentre per livelli di fumo maggiori il rischio sale di 9-10 volte.

Dopo il tabacco il secondo responsabile è il consumo elevato di bevande alcoliche. Anche il traumatismo della superficie interna della bocca, scarsa igiene orale e errati posizionamenti di protesi e dentiere possono essere cause favorenti tale patologia.

Nella diagnosi precoce un ruolo importante e fondamentale è rivestito dall’odontoiatra, il quale durante la visita deve rivolgere l’attenzione all’ispezione delle mucose e alle eventuali sue alterazioni. Infatti il cancro della bocca se riconosciuto in fase precoce può essere curato con successo con elevate percentuali di guarigione.

I ritardi diagnostici dipendono in genere da una sottovalutazione di sintomi confusi con altre patologie più frequenti e meno gravi (flogosi odontogene). I principali esami per individuare i tumori del cavo orale, in assenza di sintomi, sono l’ispezione e la palpazione del pavimento della bocca e della lingua, delle guance. Ogni lesione sospetta della mucosa deve essere sottoposta a biopsia col prelievo di una piccola porzione di tessuto.

Proprio perché la prevenzione primaria risulta fondamentale per la cura e la guarigione di tale patologia è consigliato effettuare una visita odontoiatrica con cadenza annuale per verificare la salute di denti e mucose. Questa pratica diventa essenziale dopo i sessanta anni in soggetti che hanno avuto comportamenti di vita a rischio. Per tutti è valido adottare uno stile di vita sano, evitare il fumo, non consumare tabacco in alcuna forma e limitare l’alcol.

In particolare è importante non sottovalutare eventuali lesioni della bocca solo perché piccole e indolori, noduli o indurimenti della mucosa, escrescenze, piccole ulcere, placche bianche, rosse o bianco rossastre specie se sanguinanti.