La nespola, l’ultimo frutto dell’estate

0
122

Grande, Nespola, Foglie Di Nespolo

La nespola è considerata popolarmente l’ultimo frutto estivo perché giunge a completa maturazione nel periodo della stagione fredda.

di Pamela Stracci ©

Ottobre è tempo di nespole, un frutto che in realtà si coglie tempo prima ma che ha bisogno, per essere gustato nel pieno del suo sapore e quindi non acerbo, di un tempo di ammezzimento di due o tre settimane dal raccolto. Un proverbio antico recita pressappoco così: “Per san Francesco, la nespola nel cesto. Quando appare la nespola piangete perché è l’ultimo frutto dell’estate!”.

Ci sono in realtà altri frutti che maturano in questo mese, come i cachi le cui foglie dell’albero in questo periodo assumo la caratteristica colorazione arancione scuro che incornicia la pianta tra la verde erba che spunta rigogliosa prendendo il posto del seccume estivo. Ma la nespola ha un periodo di conservazione più lungo una volta raccolta ed era proprio per questo molto apprezzata dai contadini che potevano beneficiare, anche fino ai primi giorni di novembre, di questo ottimo frutto rinforzante per l’organismo, ricco di preziose vitamine A, C e del gruppo B, di minerali e dalle proprietà antinfiammatorie e ematopoietiche. Nonostante questo la nespola era considerata, e lo è tutt’oggi, un cibo “povero” perché la pianta non richiede tante attenzioni e il frutto è facile da raccogliere e da conservare.