LA MAGIA ARRIVA A NUOVA YORK

0
622

La Rowling inaugura una nuova serie fantastica ambientata in America, nei ruggenti anni 20, con Animali fantastici. Al posto di Hogwarts c’è Ilvermorny, la scuola di magia a stelle e strisce.

di Barbara Civinini

Dopo il trionfo della saga del maghetto con gli occhiali, Joanne Rowling lancia sul grande schermo una nuova epopea sul mondo vietato ai babbani e la colloca 70 anni prima dell’epoca di Hogwarts, a Nuova York. Così, i giovani fan scoprono che, oltreocèano, oltre alla quotata scuola di magia e stregoneria diretta dal saggio Albus Silente – l’unico temuto dal perfido Voldemort che ha tentato di uccidere Harry quando aveva solo un anno – c’è anche Ilvermorny. E’ la scuola americana in cui s’impara la magia. Si trova in Massachusetts, sul Monte Greylock. Stiamo parlando di Animali fantastici e dove trovarli, arrivato nelle sale proprio in questi giorni, dopo la prima newyorkése. Il soggetto è della prolifica scrittrice britannica che si rifà al suo Manuale degli animali fantastici pubblicato nel 2001,ovvero il libro di testo su cui Potter ha studiato la Magizoologia e le sue 75 specie magiche sparse in tutto il mondo. Inizialmente la produzione pensava a una trilogia, ma durante la presentazione ufficiala del cast, a Los Angeles, l’autrice – che per la prima volta si misura anche con la sceneggiatura – è ritornata sui suoi propositi, affermando che ci saranno altri cinque seguiti e non tre, come aveva detto in precedenza, perché mentre curava lo script del film le sono venute molte altre idee, ha detto. La trama si dipana lungo le disavventure del magizoologo Newt Scamander – interpretato dal premio Oscar Eddie Redmayne – che arrivato a Nuova York nei ruggenti anni 20 del 900, per motivi di studio, e non solo, commette uno sciagurato errore. Lascia scappare dalla misteriosa valigetta, che avrebbe dovuto custodire, tutto un mondo di creature magiche malvage, scatenando il panico in città. Le relazioni fra il mondo magico e quello dei babbani rischiano di precipitare, anche perché un gruppo di fanatici estremisti chiamato The Second Salemers le ha già incrinate da tempo. Newt sarà guidato alla scoperta del Congresso magico degli Stati Uniti d’America – di cui deve incontrare una persona molto importante – e del Macusa, la versione statunitense del Ministero della Magia, da Porpentina Goldstein (K. Waterston), detta Tina, impiegata del ministero, e da sua sorella Queenie (A. Sudol). La regia è del collaudato David Yates, che ha firmato anche quella degli ultimi quattro capitoli del giovanissimo maghetto. Secondo l’Us Weekly si tratta più di una storia per adulti che da ragazzi. Il Guardian – come riporta sul web Panorama – sostiene che “Rowling e Yates ci hanno dato un film splendidamente affabile, senza pretese e irresistibilmente vivace”. Le fantasmagoriche illusioni di scena, come per la saga di Harry Potter, sono firmate da Tim Burke, Oscar ai migliori effetti speciali per Il gladiatore di Ridley Scott, insieme a Watkins e Manz. I fan potranno trovare tutti i particolari, e fare anche acquisti, su Pottermore, il portale creato dall’autrice e dedicato al magico mondo di Harry Potter. In Italia i libri dedicati al film sono pubblicati da HarperCollins.