“Ecco la lettera ufficiale inviata il 19 ottobre ai dirigenti del Como Calcio dalla Sport Man”

0
653

“Evidentemente ci deve essere un virus sul lago di Como che annebbia le menti. Era già accaduto all’inizio dell’anno quando fu rifiutata la nostra proposta di collaborazione per salvare il Como Calcio dal fallimento. Ora questo stato di distrazione si ripete con la negazione della realtà da parte della nuova dirigenza del club azzurro che afferma di non aver mai ricevuto la proposta della Sport Man per  l’acquisizione del Como Calcio. Lettera, con tanto di richiesta di un incontro ufficiale inviata lo scorso 19 ottobre”.

E’ furioso il manager internazionale Alessio Sundas che, nelle vesti di mediatore per favorire l’acquisto del Como Calcio da parte di un noto operatore economico, si è visto da del bugiardo dalla dirigenza della società lombarda. Accusa che il responsabile dell’agenzia Sport Man respinge al mittente, con tanto di documenti alla mano.

“Forniamo alla stampa copia della lettera inviata con ogni mezzo al Como Calcio – prosegue Sundas – così porremo fine a questo valzer dell’equivoco. La proposta è stata regolarmente spedita, abbiamo messo nero su bianco che siamo pronti ad acquisire il pacchetto di maggioranza della società se l’attuale proprietà sarà disposta a cedere.

Non pensavamo di essere ancora attaccati ed additati come bugiardi visto il nostro interesse a salvare dal baratro una delle società più antiche del nostro football, una realtà importante ai confini di una metropoli come Milano, sprofondata in Serie D. Vogliamo sperare che si sia trattato solo di un equivoco e che la lettera non sia ancora arrivata ai dirigenti del Como Calcio.  Alle loro bugie rispondiamo che l’obiettivo sarebbe quello di riportare in tre anni il Como Calcio in Serie B. Rinforzando economicamente le casse della società con sponsor di ottimo livello e potenziando l’organico tecnico con attrezzate Scuole Calcio. Attendiamo una risposta ufficiale dal presidente del club. E non altre offese”.