Istruzioni per viaggiare in Europa

0
104
viaggiare in Europa

Dal primo luglio 2021: “Eu Digital certificate Covid-19”. Non sarà considerato un documento di viaggio.

Via libera al Parlamento Europeo al green pass. Cartaceo o digitale, il documento sarà valido max 9 mesi e consentirà di viaggiare nell’Unione Europea. Ovvio non viaggiano solo i vaccinati o chi ha contratto il virus e dimostra di essere guarito! Chiunque può spostarsi da un Paese all’altro, documentando il suo stato di salute in modo perpetuo. Questo è quanto emerge dai dati finora acquisiti:dimostrare sempre, diffondendo i dati, una volta ritenuti sensibili, in ogni dove, in nome della sicurezza collettiva. Nella pratica si traduce in un costo fisso per gli utenti, da aggiungere ai balzelli quotidiani. Una tassa in pratica. Infatti, tranne nel caso in cui si viene segnalati dalla Asl, il tampone si paga. Il costo va dai 70 ai 55 euro ed il risultato ottenuto è valido max 48 ore. Un meccanismo costoso per una pratica invasiva che vogliono far diventare una consuetudine, come indossare la mascherina. Un’enorme giro d’affari a cui è difficile rinunciare.

Sono tre i dati classificati con il termine green pass: documento post vaccinazione; certificato avvenuta guarigione; risultato test molecolare.
Con la vaccinazione completa sarà valido dopo 14 giorni dall’ultima dose e durerà 9 mesi. Con la guarigione si attiva dopo 11 giorni dalla fine malattia e dura 6 mesi.Se ottenuto dopo l’esito negativo di un tampone vale per 72 ore in caso di molecore e di 48 ore per il rapido.

Però non è detto – negli accordi stipulati si legge “a meno che non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica” il che lascia una finestra aperta ai singoli Paesi per richiedere ulteriori restrizioni come autoisolamento, quarantena, test.

Piattaforme utilizzate: IO e Immuni