IMPACCO DI CAVOLO: UN’ANTICA PANACEA

0
1855

L’impacco di foglie di cavolo, verza o cappuccio, è un rimedio conosciuto già all’epoca delle antiche civiltà greche e romane. Le foglie del cavolo applicate in loco sulla zona malata sono efficaci nell’assorbire ed espellere le infiammazioni e le tossine tant’è che dopo alcune ore dall’applicazione diventano scure e maleodoranti.

Per la completa guarigione occorre insistere con gli impacchi fino a che le foglie non restino del tutto immutate.

Questo è l’elenco di disturbi dove le foglie di cavolo sono già state testate con successo: cavo orale (applicate sulla guancia): gengivite, ascessi etc; cervicale; contusioni; distorsioni, dolori articolari; emicrania; faringite e laringite (sulla gola); febbre (sulla pancia); malattie del fegato e della cistifellea (sul quadrante superiore destro dell’addome); del pancreas e della milza (sul quadrante superiore sinistro dell’addome); degli organi genitali e della vescica: prostatite, cistite, ovarite, endometriosi, ecc. (sul bacino); della pelle; dei polmoni: polmonite, enfisema polmonare, broncopolmonite,  ecc..  (sul torace sia anteriormente che posteriormente); sinusite (sulla fronte); tiroiditi, gozzo, noduli alla tiroide (sulla gola); tonsillite; vene varicose. Quando c’è la febbre è sempre molto utile ricorrere ad un breve ciclo di impacchi di cavolo sull’addome.

Procedimento:
1. Lavare ed asciugare le foglie (usa prevalentemente le verdi per gli adulti, le chiare per i bambini). Rimuovi il nervo grosso centrale dalla foglia.
2. Schiaccia bene le foglie utilizzando una bottiglia di vetro o un matterello. Occorre schiacciare bene le nervature delle foglie per rendere più aderente l’impacco di cavolo ai tessuti cutanei.
3. Le foglie vanno applicate in questo modo: una busta di plastica molto sottile e morbida; da tre a quattro salviettine di carta bianca; lo strato di foglie di cavolo opportunamente schiacciate e strizzate, dello spessore di almeno un centimetro (più ne mettete meglio è). Questo strato di foglie sia costituito prevalentemente da foglie verdi, sulle quali poi stendete qualche foglia di cavolo più tenera, di colore chiaro.
4. Applica l’impacco di cavolo sulla parte del corpo da trattare, in modo tale che il cavolo schiacciato sia a diretto contatto con il corpo. Fissa l’applicazione con delle fasce.