Il Cerveteri Calcio acciuffa la salvezza

0
359

 

Grandi abbracci nello spogliatoio.

Una liberazione per il Città di Cerveteri che grazie al 2-0 rifilato al Canale Monterano resta in Promozione senza dover passare da scomodi e dispendiosi spareggi. Giustini e Metta regalano i tre punti ai verdeazzurri ma soprattutto danno l’aritmetica salvezza. Diciamo anche meritata per tutto quello che di buono ha fatto la squadra di mister Carlo Cotroneo durante l’anno. Un girone di andata entusiasmante, condito da un bel gioco che ha portato a risultati importanti. Nel girone di ritorno i cerveterani non sono riusciti a raccogliere tutto ciò che di buono hanno seminato e alla fine le cose si sono complicate fino a ieri, quando al Galli è esplosa la grande festa per il successo.

Mister Cotroneo è soddisfatto. “Oggi mi sono alzato rilassato – ammette l’allenatore – e sono contento per quello che hanno fatto i ragazzi. Guardando la classifica, con un organico differente rispetto allo scorso anno, siamo riusciti anche a fare più punti. Una grande soddisfazione”. Ma cosa è accaduto a metà stagione? “La differenza per me l’ha fatta l’aver perso dei giocatori importanti che ci avrebbero dato quell’esperienza in più sicuramente per salvarci prima e non aspettare gli ultimi 90 minuti. Non avere a disposizione calciatori come Paraschiv, Coda, Morlando e altri elementi debbo dire che ha inciso parecchio sull’andamento del girone di ritorno. Ma alla fine i ragazzi, tutti giovanissimi, sono stati bravi e questo è ciò che conta. Il girone era difficile e molto equilibrato”. Inevitabile una domanda sul futuro. Quale sarà il futuro di Cotroneo? “Ancora è presto per parlarne. Adesso godiamoci questa salvezza. Al momento opportuno parlerò con la società, io sono molto ambizioso e cerco di lavorare nel migliore dei modi”.

Tira le somme anche Gianluca Metta che ieri ha realizzato il gol della sicurezza: “Un finale di stagione tribolato ma è pur vero che dopo la partita contro l’Atletico Ladispoli non abbiamo più perso punti. La squadra, molto giovane, ha meritato questo risultato, è stato bravo il mister a tenere la situazione sotto controllo, merito anche di una società serena alle spalle. Ora è arrivato il momento di staccare la spina e di goderci questa salvezza. Sono felice del mio campionato e di aver chiuso ieri i giochi con un mio gol”.

Raggiante, e non potrebbe essere altrimenti, anche il bomber della squadra, Alessandro Spanò autore di 12 reti e di un gran campionato. “E’ stata una salvezza strameritata, dall’inizio della partita col Canale le nostre facce dicevano tutto: eravamo convinti dei nostri mezzi. Purtroppo dispiace di essere arrivati all’ultima partita a giocarci il tutto per tutto, secondo me questa squadra non doveva ritrovarsi alla fine così. Comunque parliamo di un gruppo giovane, e ci sta, abbiamo fatto errori e nello stesso tempo abbiamo rimediato con