I VIGILI DEL FUOCO PERDERANNO L’AUTOBOTTE DESTINATA A PALIDORO

0
142
vigili del fuoco

LA COPERTA RESTA SEMPRE TROPPO CORTA PER I POMPIERI ETRUSCHI. AFFONDO DEI SINDACATI.

E se l’Sos scattasse per i vigili del fuoco di Cerveteri? In previsione non è un’eresia sostenerlo visto che l’autobotte da 8mila litri è pronta a trasferirsi da Cerveteri a Palidoro. Sarebbe un bel guaio per il personale visto che l’unica squadra in servizio si attiverà con un solo automezzo quello che in gergo indica il primo veicolo pronto ad uscire in caso di emergenza e in grado attualmente di contenere 1.500 litri. La coperta resta sempre troppo corta. E se da una parte tale decisione andrebbe a rafforzare il comune di Fiumicino, dall’altra penalizzerebbe il territorio cerveterano e ladispolano. I pompieri devono far fronte già a numerose difficoltà: la carenza dell’organico, l’assenza di un’autoscala per gli incendi e gli interventi ai piani alti degli edifici e anche l’inaffidabilità di alcuni mezzi a volte in avaria perché obsoleti. In sindacati intervengono. «Stiamo attendendo che il sindaco di Fiumicino firmi la delibera – parla Riccardo Ciofi, segretario generale della Federazione Nazionale Sicurezza Cisl Roma – per liberare i locali di una struttura sulla via Aurelia a Palidoro. Al termine dello spostamento del personale sanitario alla Casa della salute, quel posto verrà preso dai nostri volontari e dall’autobotte. Potrebbero essere attivati dei corsi per nuovi innesti nel gruppo operativo però il problema è sempre lo stesso: la coperta corta. Nella caserma di Cerenova rimarrebbe solo la partenza. Lotteremo affinché arrivi almeno l’autoscala». Localmente si attiva Gabriele Fargnoli. «Nel 2016 – spiega il caposquadra e coordinatore Area Nord della Fns Cisl – riuscimmo a far approvare in Consiglio comunale una mozione sull’arrivo dell’autoscala a beneficio del comprensorio. Pochi mesi fa il punto è stato votato anche dal comune di Cerveteri»